monreale








La zona di Monreale

I vini a Monreale vengono prodotti sulle colline circostanti che hanno delle connotazioni carbonatiche, il che significa che vi sono delle forti presenze di calcare, sotto forma di dolomie carsiche, in una linea topografica da Palermo alla valle del Belice. Questo tipo di suolo è molto comune in Sicilia, dove il benefico calcare e l'argilla arricchiscono le uve. Questa orogenesi dell'isola nasce dall'antico bacino preistorico marino da cui è emersa l'isola. Il fondale venne riempito di fossili marini in particolare conchiglie, che hanno poi formato, sotto alte pressioni, le rocce calcaree che oggi sono parte del suolo emerso. Per finire l'attività teutonica e vulcanica ha fornito anche molto silicio e presenza di marne, altri elementi aromatici da fornire alle uve.

Le condizioni climatiche sono quelle classiche dell'isola, con belle estati molto lunghe ed inverni in cui le temperature restano accoglienti per i frutti della vite, che matura quindi senza difficoltà e al punto giusto per fornire vini di buona qualità, in una zona dove il prezioso nettare viene elaborato già al tempo dell'antica Roma e ancor prima, grazie alla presenza dei coloni greci.

Oggi sull'isola sono molti i viticoltori che hanno iniziato a produrre vini di qualità, in particolare nella zona ovest, anche grazie all'istituzione delle denominazioni di origine che hanno posto dei vincoli e migliorato la vinificazione, facendo tornare l'isola ai fasti del passato.

MONREALE

Monreale (Styrax Benzoin): Bastoncini di incenso, 100% Naturale Vegetale Puro Base, stile giapponese, in stick, puro, di alta qualità, Bastoncini di incenso tempio con Styrax Benzoin

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,2€


Le coltivazioni

Le coltivazioni I vitigni utilizzati a Monreale per la vinificazione in bianco sono alcuni dei grandi autoctoni siciliani, come l'Inzolia, il Grillo e il Catarratto e alcuni rinomati internazionali come lo Chardonnay e il Pinot Bianco, a cui si unisce la coltivatissima uva italiana Trebbiano Toscano, seppur di qualità inferiore ai precedenti, ma in grado di apportare volume.

Tra queste il Grillo è un vitigno nativo dell'isola, che prima di essere riscoperto per altre vinificazioni, veniva utilizzato negli assemblaggi dei Marsala, un vino intramontabile e prodotto già da tre secoli, oggi tornato in primo piano. Anche il Grillo ha ritagliato un suo ruolo di primo piano in Sicilia, con un tocco citrino e molto corpo nei vini in cui viene impiegato. Ottima anche l'acidità che consente a questi vini buone possibilità di invecchiamento.

Il Pinot Bianco invece è l'adattamento italiano del più antico Pinot Blanc francese, mutazione spontanea del progenitore Pinot Noir. In Italia arriva già ai primi dell'Ottocento, passando il confine per approdare in Piemonte, ma oggi è presente in tutto il mondo.

In Sicilia ha trovato posto per delle vinificazioni di prodotti secchi e con elevata acidità, anche se poco aromatici ma comunque frizzantini e freschi, perfetti per le lunghe estati isolane.

Questo vitigno è perfetto per le spumantizzazioni, tanto che è elemento essenziale dei grandi Franciacorta della Lombardia.

  • marsala La storia del Marsala è antica ed affascinante, partendo dal Rinascimento e dalle nuove tecniche di vinificazione che lentamente si andarono sperimentando in questo lungo arco temporale. Protagonisti ...
  • etna rosso Il territorio dove viene prodotto il vino rosso sotto la denominazione di origine controllata Etna si trova chiaramente nella zona del famoso vulcano, che ad oggi è il più grande e il più attivo del n...
  • sciacca Il vino a Sciacca viene protetto da un'apposita denominazione che garantisce le produzioni di qualità secondo determinati canoni con cui produrre il vino, tra cui naturalmente le uve impiegate e la zo...
  • I vini dell Attorno al Monte Erice, in provincia di Trapani, si producono i vini sotto l'omonima denominazione DOC che sfrutta le colline che si stagliano tutt'attorno al monte che si formarono nel Pleistocene co...

Monreale Stemma, Stemma Di Famiglia E Nome storia - Tre Stampa Combo - Italia Origine

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,22€


monreale: Il vino a Monreale

Il Monreale gode oggi della denominazione di origine controllata che fu creata il 2 novembre 2000 per autorizzare la produzione di vini bianchi, rosati e rossi. L'area coinvolta nella vinificazione di questa denominazione è molto vasta e si trova in provincia di Palermo, in particolare nella valle del Belice. Qui si produce oltra al bianco, anche il Superiore e il Vendemmia Tardiva, oltre ai monovitigno Inzolia, Grillo, Pinot Bianco, Chardonnay e Catarratto.

Per quel che riguarda il vino generico, il taglio classico è tra Catarratto e Inzolia che lo compongono per il 50% a cui si aggiunge anche il Trebbiano Toscano ma solo fino al 30% dell'assemblaggio.

Vengono fissate delle regola anche alle rese dei vitigni, che per le varie tipologie sono tra le 10 e le 12 tonnellate per ettaro. Invece i vini che sfruttano le vendemmie tardive, vengono vinificati con uve che devono avere rese limitate a 8 tonnellate. L'appassimento viene effettuato sulla pianta. I grappoli devono restare nel vigneto fino al 1° ottobre. Poi una volta trasformati in vino devono attendere sei mesi di invecchiamento prima di essere commercializzati.

Anche il Superiore deve attendere sei mesi prima di essere commercializzato, ma questa volta dal 1° novembre successivo alla raccolta delle uve.

I vini a Monreale sono paglierini, che evolvono sul dorato nel caso del Vendemmia Tardiva e del Superiore. Si tratta in genere di vini dal palato secco nella maggior parte dei casi, anche se lo Chardonnay e il Catarratto risulta invece fruttato. I grilli invece hanno un carattere sapido. Mentre il Vendemmia Tardiva è chiaramente dolce e vellutato al palato. Sono comunque vini eleganti e profumati, da abbinare con vari cibi come le sarde e le melanzane per gli Inzolia.

Il Superiore si abbina bene con la pasta alle cozze mentre per il Catarratto si preferisce la carne e i formaggi stagionati.

Anche lo Chardonnay è abbinabile ai formaggi, ma molli, ma anche a molti piatti di pesce di mare e molluschi. Il Pinot Bianco invece va bene con gli ortaggi come i carciofi, mentre il Grillo va con i formaggi piccanti e altri piatti dal sapore spiccato. Per il Vendemmia tardiva si consigliano formaggi erborinati e paté di fegato.

Tra i vari vini da provare ci sono quelli di Spadafora, come il Monreale Bianco con profumazioni di frutta bianca, agrumi ed erbe aromatiche. Ottimo anche Feudo di Santa Tresa Rina Lanca, un Grillo puro, e il Punta Ettare di Frazzitta, sempre un Grillo aromatico.



COMMENTI SULL' ARTICOLO