brindisi








Brindisi

Il Brindisi è un vino rosso proveniente dal sud, precisamente dalla regione della Puglia. Questa bevanda alcoolica ha ricevuto la qualifica di denominazione di origine controllata, meglio conosciuto con l’acronimo DOC. Tale nomina è nata il giorno 22 novembre dell’anno 1979 con il decreto ministeriale per garantire ed autorizzare la produzione e la realizzazione di questo vino rosso solo ed esclusivamente nelle zone e nei comuni di Mesagne e di Brindisi. Il vino rosso DOC Brindisi viene creato attraverso l’uso di determinate uve, ovvero il Montepulciano e il Sangiovese, utilizzate singolarmente o insieme in una , in una quantità pari al 30%, il Malvasia nero, il Susumaniello, e in una quantità pari al 70% il Negro Amaro. La produzione di questo vino pugliese può essere arricchita con dei mosti, i quali sono stato ottenuti con delle uve appartenenti a determinati vigneti obbligatoriamente circoscritti alla zona designata per la qualifica DOC della bevanda stessa, oppure è possibile aggiungere dei mosti che siano stati prodotti con delle tecnologie consentite e approvate. Per quanto concerne la dolcificazione di questo vino, essa dovrà essere quella concordata dalla normativa nazionale e comunitaria. La resa massima di questo vino rosso proveniente dalla regione pugliese è di circa quindici tonnellate per ogni ettaro. La gradazione alcoolica oscilla tra il 12% e il 15%, dipende dalla tipologia della bevanda. Le varianti di questo vino sono diverse e quelle che vantano la possibilità di autorizzazione sono: il Rosso, sia Novello sia Riserva, il Negro Amaro e il Sussumaniello, nella tipologia di Riserva dopo essere stati sottoposti ad un periodo di invecchiamento pari a circa due anni. Questa variante presenta una gradazione alcoolica pari a 12,0% e, dunque, il tasso alcoolico è più alto rispetto alle altre tipologie che invece presentano un volume alcoolometrico pari a 11,5%.

Luville Brindisi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Le Tipologie del Brindisi

Come già scritto precedentemente, il vino pugliese vanta delle varianti, sia Novello Sia Riserva, come il Brindisi Negro Amaro, il Brindisi Susumaniello, il Brindisi Rosso, il Brindisi Novello. Ognuno di essi presenta delle proprie caratteristiche organolettiche, in base alle quali è possibile creare degli accostamenti con determinate pietanze così da gustare pienamente le loro qualità. Il Brindisi Novello si presenta con un intenso colore rosso dall’odore forte e durevole e anche fruttato e un sapore piacevole, gradevole e armonico. Grazie a queste qualità, tale bevanda può essere degustata accostandola con formaggi, che abbiano una pasta fresca e molle, e con svariati antipasti. Il Brindisi Rosso mostra tra le sue stupefacenti qualità un colore che va dal rosso forte e intenso all’arancione dopo un periodo di invecchiamento, il suo profumo è molto forte, persistente e alquanto vinoso, mentre il suo sapore, viene avvertito come leggermente amarognolo e secco, ma a contatto con il palato si presenta, invece, delicato, leggero ma tannico al punto giusto. Esso crea un giusto binomio se accompagnato da minestre, formaggi con pasta dura parzialmente e carni bianche. Se si tratta , invece, della Riserva, essa va accostata con carni rosse. Il Brindisi Sussumaniello, invece, ha un colore rosso vivace, rubino, con un forte aroma caratterizzato da essenza di frutti di bosco e un sapore leggero, delicato, ma durevole e armonico. Questa tipologia di vino si sposa perfettamente con pietanze a base di carne, soprattutto carne rossa e con formaggi stagionati. Infine, il vino Brindisi Negro Amaro ha un colore rosso forte, ma se invecchiato presenta, invece, un colore tendente all’arancio o, meglio ancora, al rosso mattone. Ha un odore gradevole molto forte e un sapore, abbastanza intenso, che rimanda alla frutta. Questa variante la si può abbinare facilmente, soprattutto con braciole, primi piatti a base di pasta molto elaborati, con formaggi e con delle grigliate di carne. Il vino Brindisi lo ritroviamo anche con un colore rosato, tendente al corallo, dal sapore lievemente amaro e un odore fruttato e delicato.

  • vigneti in piemonte Il Piemonte è la regione storica italiana del vino rosso, con la Toscana. A differenza della prima, e di altre regioni oggi molto importanti come il Veneto o la Sicilia solo per citare due esempi clas...
  • trentino Il Trentino-Alto-Adige è una regione enologica molto importante in Italia, se mai nella nostra Penisola ce ne fosse una di scarsa rilevanza, specialmente per quel che riguarda la produzione di vini bi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...
  • vittoria doc L'area vinicola di Vittoria nasce ufficialmente con la fondazione della città avvenuta nel 1606 quando la facoltosa nobile ispanica Vittoria Colonna Henriquez grazie anche alla concessione del proprio...

Bicchiere da Vino - Wine Glitter Glass - Per il brindisi di Compleanno (18 Anni)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Brindisi, una zona dedita alla vinicoltura

La regione pugliese è rinomata per i prodotti che essa offre ma anche per il favoloso clima, grazie al quale è possibile un’intensa attività vinicola, tramite la quale vengono prodotti vini di ottima qualità e dall’ottimo gusto. Tra le diverse città che sono in grado di offrire notevoli varietà per quel che concerne il vino ritroviamo Brindisi. Questa città si presenta con un territorio prevalentemente pianeggiante e ricca di rocce di tipo sabbiose e calcaree. Il clima è un altro fattore favorevole alla produzione del vino, infatti, esso è caratterizzato da inverni miti che consentono un’ottima resa agricola, soprattutto nelle aree più alte, ed estati molto lunghe. Grazie, dunque, alla presenza di rocce, al territorio pianeggiante e al clima favorevole, la città di Brindisi può offrire una ricca varietà di vini pregiati, attraverso l’uso di svariati vitigni.


brindisi: I vitigni

Brindisi è rinomata per il buon clima, per i paesaggi e per il vino, prodotto attraverso l’ausilio di vigneti. Tra questi ritroviamo il Sussumaniello, il Malvasia, il Montepulciano e il Sangiovese, come già detto in precedenza. Ma il più famoso, il principale è il vitigno rosso Negro Amaro, il quale dà vita a bevande molto alcooliche e forti, dal colore vivace e intenso.



COMMENTI SULL' ARTICOLO