vini rossi








Introduzione

Il vino rosso è un atipica bevanda alcolica dell'era mediterranea, che si ottiene mediante fermentazione del mosto dell'uva nera.

La produzione di questo alimento, prevede la macerazione della buccia delle uve nere insieme al succo che si ottiene con la spremitura che inizialmente si presenta di colore giallo.

Questo permette che le molecole si diluiscano dalla buccia al succo e tra questi anche i coloranti naturali che prendono il nome di antocianine.

Le uve che all'interno possiedono la polpa scura e che una volta spremute danno origine ad un succo di colore rosso sono assai rare.

La colorazione del vino che viene realizzato mediante la vinificazione può variare di colore, per quelli più giovani un colore viola intenso, mentre per quelli più invecchiati un colore bordeaux con la presenza di sfumature arancioni.

I vini rossi i generale, compresi i rosati, sono molto famosi per le loro caratteristiche organolettiche che possono variare in base al tipo ed anche per le proprietà nutrizionali.

I vini rossi contengono al loro interno alcol etilico, e per questa caratteristica non possiamo certamente considerarli delle bevande salutari, anche se grazie alla presenza di antiossidanti come i fenolici, i vini rossi mostrano vantaggi per la nostra salute.

Vini rossi

Magic Decanter - Supporto e aeratore per vino rosso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,09€


Benefici

vini rossiQuando parliamo dei vini rossi, tendenzialmente la prima cosa positiva che ci viene in mente di questo alimento, è la presenza del resveratrolo, ovvero una sostanza messa più volte in discussione da parte di studi scientifici che poi hanno dimostrato la veridicità dei suoi benefici.

Questo fenolo, non flavonoide sono state attribuite proprietà benefiche per il metabolismo di tipo antiossidante, antibatterico, antitumorale, antimicotico, antinfiammatorio ed anche per la fluidificazione del sangue nelle vene.

In determinate condizioni fisiche, un buon bicchiere di vino rosso, potrebbe ridurre la possibilità di ictus con coagulo-correlato fino al 50%.

Grazie al resveratrolo ed anche alla presenza di polifenoli presenti, che si manifesta il “Paradosso alla Francese”.

Nel secolo scorso, tramite alcuni studi epidemiologici emerse alla luce come nonostante la grande presenza di diversi grassi saturi ed anche di colesterolo nella comune dieta, in Francia l'ipercolesterolemia ed anche diverse forme di malattie cardiovascolari, risultavano essere nettamente inferiori rispetto ad altri paesi europei che praticavano la stessa dieta.

Fu paradosso fu il motivo principale di una grande speculazione, visto e considerato che tutti ormai erano a conoscenza del fatto che i vini rossi tenevano lontano il rischio di malattie cardiovascolari, ma oggi queste credenza sono messe fortemente in discussione dagli esperti.

Se parliamo sempre del resveratrolo, dobbiamo sottolineare che sembra anche proteggere il cervello dal declino cognitivo, ovvero la primissima causa dell'Alzheimer.

Gli scienziate dell'Università della California con sito a Davis, di recente, analizzando la composizione di alcuni vini rossi, hanno scoperto che all'interno di questa bevanda, ci sono anche un altro gruppo di molecole che sembrerebbero in grado di combattere l'aumento di colesterolo nel sangue.

Queste molecole prendono il nome di “Saponine”, ovvero delle sostanze schiumose che sono solubili nell'alcol, in grado di legare il colesterolo presente nel sangue, nell'intestino, riducendone in questa maniera l'assorbimento.

Attraverso uno studio fatto su delle cavie, da parte dell'Oregon States College of Agricoltural Studies sul regime nutrizionale ricco di grassi con la presenza o meno di vino rosso, ha dimostrato che gli animali avevano le stesse identiche conseguenze metaboliche tipiche dell'essere umano in sovrappeso e sedentario, mentre quelli nutriti con estratto di vino rosso, hanno rivelato un accumulo nettamente inferiore dei grassi nel fegato oltre a livelli bassi di glicemia.

La molecola responsabile di tutto questo prende il nome di “ Acido Ellagico” che possiamo trovare anche in alcuni ortaggi e frutti come ad esempio il melograno, ovvero un potente antiossidante fenolico che è in grado di ostacolare la formazione del grasso nelle cellule ed in questa maniera impedisce anche la formazione di ulteriori adipociti.


  • vin santo Il Vin Santo, chiamato in alcune regioni anche Vino Santo, è un vino classico dell'enologia itaiana destinato all'abbinamento con i dessert in quanto di tipologia dolce. Vi sono molti tipi diversi di ...
  • piedirosso L'isola di Ischia è abitata da diversi millenni e naturalmente i suoi abitanti hanno iniziato a coltivare la vite come questa ha iniziato a diffondersi sia per il consumo da tavola che per la produzio...
  • capri L'isola di Capri è conosciuta per la sua grande bellezza, per le vacanze dei vip e per la sua storia, ma pochi la conoscono per il suo vino, comunque di buona fattura anche se non nelle eccellenze. La...
  • sangiovese La coltivazione vinicola nell'isola d'Elba ha origini molto antiche, tanto che gli scrittori latini la definivano l'isola del buon vino, anche se la vinificazione non era la sua attrattiva principale,...

FosFun Aeratore per vino, beccuccio versatore per ventilazione per il tappo versatore per vino bianco e rosso, decantare vino con eleganza e semplicità

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


vini rossi: Controindicazioni

vini rossiUn consumo eccessivo di alcol può provocare effetti indesiderati sul nostro organismo, ora vedremo insieme quali:

Alterazione delle normali funzionalità del cervello

Infiammazione ed irritazioni delle mucose del tratto digerente

Acidità di stomaco, gastrite, esofagite da reflusso, disordini intestinali, esofago di Barret e forme tumorali

Mal assorbimento intestinale

Carenza di vitamina B1 ed aumento delle probabilità di Encefalopatia

Aumento dei trigliceridi

Tendenza alla disidratazione ed aumento della filtrazione da parte dei reni

Cirrosi epatica o insufficienza epatica e forme tumorali

Azione tossica verso i reni ed altri organi

Forte stimolazione insulinica e quindi riduzione della glicemia



COMMENTI SULL' ARTICOLO