birra cruda








Birra cruda

Generalmente il termine birra cruda si riferisce alla birra che durante il processo di lavorazione non viene sottoposta alla pastorizzazione e non viene addizionata di conservanti. Durante le fasi di produzione della birra a livello industriale è consuetudine per garantire al prodotto una conservazione ottimale ed assicurare tutte le sue caratteristiche igieniche la pastorizzazione, un procedimento che avviene dopo la fermentazione secondaria, ma prima della filtratura e dell'imbottigliamento. Tale fase avviene portando la bevanda ad una temperatura di circa 60 gradi per 20 minuti, così da sterilizzarla da alcuni microorganismi che potrebbero essere potenzialmente pericolosi per la nostra salute. Durante questo procedimento si eliminano anche alcuni lieviti , per questo è importante successivamente introdurre anidride carbonica alla birra. Con la pastorizzazione inoltre vengono conferiti al prodotto tutti i suoi sapori classici. Nonostante questo la pastorizzazione determina la denaturazione di alcuni elementi presenti nella bevanda, che uniti ai lieviti hanno effetti benefici sull'organismo umano. Quando la birra non ha un ampia distribuzione viene utilizzato il processo privo di pastorizzazione. Fino al momento del consumo il prodotto viene mantenuto a basse temperature, così facendo esso potrà mantenersi più a lungo. Oggi sono molte le aziende che iniziano a commercializzare di nuovo questo prodotto, che in passato era l'unica birra disponibile, quando la pastorizzazione non era ancora stata inventata.
Birra cruda

Ritzenhoff 1010235 Black Label bicchiere da birra, vetro, multicolore, 6.5 x 6.5 x 25 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,92€


Che cos'è la birra cruda

La birra cruda è nella maggior parte dei casi la birra artigianale, che viene realizzata con l'ausilio di micro-impianti privi di automazione elettromeccaniche e distribuzione sofisticata, dove sono importanti solamente la pratica manuale dell'operatore e la sua attenzione. Questi impianti infatti ricordano il sistema che era in voga negli anni passati dove era presente la sala cottura, quella di fermentazione e la sala per la maturazione della bevanda. Tutti i birrifici artigianali producono la birra seguendo le tradizioni, ovvero applicando i metodi di fabbricazione che venivano utilizzati ancora prima che l'industria introducesse la tecnologia finalizzata a standardizzare il prodotto finale, realizzando così una birra che possedeva gusto e caratteristiche omogenee. La birra cruda non ha dunque lo stesso sapore della birra che troviamo oggi in commercio, perché variano i suoi aspetti organolettici anche semplicemente con il passare del tempo. Essa può essere anche la birra integrale oppure quella non microfiltrata. A causa della mancanza del trattamento termico e della microfiltrazione, questo prodotto è ricchissimo di lieviti e di sostanze che restano in sospensione. Non viene aggiunta ad essa nessuna sostanza con lo scopo di conservazione ed inoltre non vengono utilizzati procedimenti differenti, come ad esempio la stabilizzazione in polivinilpolipirrolidone, che comporta alla degradazione ed all'impoverimento della bevanda.

  • Birra non pastorizzata Negli ultimi anni sta crescendo in maniera esponenziale da parte dei produttori della birra, il metodo di preparazione di questa bevanda senza la pastorizzazione. Questa birra dunque mantiene inaltera...
  • birra La birra è davvero una bevanda universale, è davvero il caso di dire “paese che vai, birra che trovi”.Eppure l’origine di questa bevanda diffusa in tutto il mondo è sconosciuta. Sicuramente è antich...
  • birra artigianale La birra artigianale oggi è quella birra che non viene pastorizzata, un po come succedeva in passato prima delle scoperte scientifiche di Pasteur che portarono poi alla pratica, in tutta la moderna in...
  • maiale alla birra Le braciole di maiale possono essere cucinate in vari modi, sempre molto gustosi, con diverse spezie. Se i semi di finocchio sono la spezia simbolo del maiale, altre ricette utilizzano le erbe aromati...

TAPPO TRAPPOLA PER CALABRONI E VESPE KILLA CONF 6 Pz

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,5€


Valori nutrizionali

Birra cruda Come sappiamo la birra era definita dagli antichi Sumeri Pane Liquido. Questa definizione ai giorni nostri appare ancora appropriata, perché anticamente essa veniva realizzata a partire da pane, ma specialmente per via del suo apporto nutrizionale. Nella birra cruda sono presenti tutte le caratteristiche nutrizionali che si trovano nel malto, nell'orzo, nel luppolo e nel lievito. In particolare la birra è ricchissima di vitamine appartenenti al gruppo B, specialmente di vitamina B9, vitamina B12 ed acido folico. Troviamo inoltre gli enzimi, il maltosio, l'inulina e gli oligosaccaridi, che svolgono un'azione benefiche sul nostro intestino. Essendo la birra cruda un bevanda con bassissimo indice glicemico, essa può essere consumata anche da coloro che soffrono di diabete, previa consulenza medica. Contiene anche buonissime quantità di polifenoli, ovvero composto aromatici che fungono anche da potenti antiossidanti naturali. Questi svolgono all'interno nel nostro organismo un'azione benefica e lo proteggono da malattie cardiovascolari e dall'invecchiamento precoce delle cellule. La birra cruda non avendo subito il processo di pastorizzazione può essere considerata un alimento prebiotico, in grado di favorire la formazione dei batteri buoni all'interno del nostro intestino, come ad esempio i bifidobatteri. I questa bevanda infatti sono presenti i fruttooligosaccaridi e l'inulina che deriva dall'orzo che non vengono attaccati dagli enzimi durante la fase digestiva e tanto meno assorbiti dalla mucosa gastrointestinale, ma raggiungono il colon inalterati. Sia i Bifidobatteri che i Lattobacilli appartengono alla flora batterica intestinale buona e sono in grado di metabolizzare tutte le fibre solubili compresa appunto l'inulina. Tali fibre inoltre sono in grado di ridurre i quantitativi di colesterolo nel sangue, svolgendo anche un'azione protettiva nei confronti del cancro al colon.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO