lizzano








Lizzano. Provenienza

Il vino rosso Lizzano proviene dalla zona vinicola Lizzano DOC che situata ad est di Taranto. Essa dista circa 25 chilometri dal Salento, sul margine meridionale delle Murge Tarantine. Il territorio prevalentemente pianeggiante e caratterizzato da colture arboree miste, mandorleti ed uliveti che si alternano ai vigneti. In questa zona sono presenti i Trulli, ovvero abitazioni costruite in pietra tolta dal terreno per renderlo coltivabile. Il clima quello tipico mediterraneo, e grazie alla vicinanza con il mare gli inverni sono miti e le temperature molto raramente scendono sotto lo zero.

Sin dai tempi pi antichi questa zona a vocazione vinicola, infatti i Greci prima e successivamente i Romani sfruttavano la posizione geografica per il commercio. Il suolo di natura carsica proprio come tutta la regione Puglia, e mostra una forte presenza di calcare, argilla, sabbia e terra rossa che si trovano poggiate sul basalto di sedimenti che derivano dai fossili marini emersi. Sono quasi assenti i corsi di acqua superficiali, ma l'approvvigionamento idrico deriva dalla presenza di inghiottitoi e tipiche fessure che si trovano nei terreni carsici. Questi sono in gradi di convogliare l'acqua piovana nel sottosuolo e dare vita cos a dei fiumi veri e propri sotterranei, dai quali le piante e le coltivazioni ne traggono il giusto nutrimento.

Lizzano

CASA TESSILE Alghero sardo tappeto cotone varie misure - 57x106 cm.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,9€


I vitigni

Il vitigno che viene impiegato per la produzione di questa denominazione il Montepulciano, il Negramaro, il Bombino nero, il Sangiovese, ed il Pinot nero come vitigno secondario. Essi sono inoltre coadiuvati anche della Malvasia nera di Lecce e Brindisi. Il Bombino nero un vitigno poco comune e viene utilizzato solo in Puglia nei tagli con il Negramaro, mentre il Pinot nero non una scelta facile per questa zona, perch predilige un clima pi freddo, ma una volta allevato pu conferire al vino la giusta eleganza in piccola percentuale. Non pu essere vinificato come unico vitigno in questa clima caldo, ma la sua presenza durante l'assemblaggio gradita. Il Negramaro invece il vitigno simbolo della Puglia insieme al Primitivo del Salento. Esso conferisce al vino colore, struttura e gradazione alcolica. Fornisce vini dai sentori di bosco e frutta matura dove si possono percepire sentori vegetali e minerali. Esso invecchia molto bene ed inoltre inizia ad essere apprezzato non solo a livello nazionale.

  • vigneti in piemonte Il Piemonte la regione storica italiana del vino rosso, con la Toscana. A differenza della prima, e di altre regioni oggi molto importanti come il Veneto o la Sicilia solo per citare due esempi clas...
  • vittoria doc L'area vinicola di Vittoria nasce ufficialmente con la fondazione della citt avvenuta nel 1606 quando la facoltosa nobile ispanica Vittoria Colonna Henriquez grazie anche alla concessione del proprio...
  • Il risotto al vino rosso Il risotto al vino rosso una di quelle preparazioni inusuali ma anche gustosi e molto semplici. Fatto praticamente con due ingredienti, il riso e il vino, questo risotto un ottima proposta per chi...
  • piedirosso L'isola di Ischia abitata da diversi millenni e naturalmente i suoi abitanti hanno iniziato a coltivare la vite come questa ha iniziato a diffondersi sia per il consumo da tavola che per la produzio...

TEGAME ANTIADERENTE EFFETTO LEGNO 2 MANIGLIE CM.32 - ARBOREA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


lizzano: Lizzano DOC

Il 21 dicembre del 1988 venne istituita per decreto la Denominazione di Origine Controllata per la produzione non solo dei vino rossi , ma anche dei rosati e dei bianchi nei territori facente parte dei comuni di Lizzano e Fagiano. Le uve autorizzare sono il Negramaro presente nell'assemblaggio dal 60 all'80%, il Sangiovese, il Montepulciano, il Pinot nero ed il Bombino nero, sia da soli o congiuntamente per un massimo del 40%. Inoltre possono essere utilizzate i vitigni Malvasia nera di Brindisi o di Lecce per un massimo del 10%. Ogni ettaro deve rendere al massimo 14 tonnellate di uva, con una gradazione alcolica di almeno 11% vol ed 11,5% vol nel caso di vitigni monovarietali.

Le tipologie consentite dal disciplinare sono:

1. Rosso

2. Negramaro

3. Malvasia nero

4. Novello

Per quanto riguarda le coltivazioni monovarietali l'uvaggio presente nelle etichette deve essere almeno dell'85% nell'assemblaggio, a differenza del Novello che non pu essere anteriore al 15 novembre dell'anno di produzione delle uve, e non posteriore al 30 marzo dell'anno seguente. IL Lizzano si mostra esteticamente con una colorazione rossa che varia dal rubino intenso al granato.

All'olfatto invece un vino gradevole e caratteristico, mentre il suo sapore armonico asciutto al palato. Si presta bene per essere assaporato con carne al forno, con formaggi a pasta semi dura, primi piatti e carne bianca. Per quanto riguarda il Lizzano Malvasia Nera, il suo colore estetico rosso intenso e l'odore caratteristico come la sua aroma. Al palato risulta essere vellutato ed armonico, e si presta benissimo a tavola con carne di fegato e cervello, con formaggi piccanti e primi piatti saporiti. Nel novello invece la colorazione variabile dal granato al rubino, mentre l'odore gradevole, vinoso e caratteristico, dal sapore asciutto ma armonico. ideale per essere assaporato insieme alla carne bianca, oppure con formaggi freschi e dalla pasta semi dura oppure con primi piatti leggeri e poco elaborati. Il rosso di Lizzano DOC viene immesso al consumo non prima del 15 novembre dell'anno di produzione e non posteriore al 30 del mese di marzo dell'anno successivo per essere denominato giovane. Attualmente le aziende che producono questo vino sono ancora a livello commerciale sconosciute, e necessiteranno di ancora del tempo per essere conosciute nel resto d'Italia. Tra le aziende le pi conosciute sono la Cantina ed Oleificio di Lizzano che produce un ottimo Novello.



COMMENTI SULL' ARTICOLO