monreale








Monreale

Monreale è una cittadina popolata da circa 40mila abitanti, a pochissimi chilometri da Palermo. Purtroppo è nota non solo per motivi paesaggistici, ma comunque ospita una serie di vigneti che fanno parte dell'omonima Doc. inoltre la cittadina ospita alcuni capolavori, come la cattedrale, dichiarata Patrimonio Mondiale dell'Umanità. La cittadina ha il territorio comunale tra i più grandi d'Italia, e questo ne fa una zona vinicola importante. La cittadina nacque sotto il dominio normanno, ma nella zona producevano ottimi vini già i Greci e poi i Romani. Non a caso, tutta la provincia di Palermo è interessata da denominazioni di origine. Qui si insediarono, via via, numerose popolazioni antiche, sia locali, che successivamente di derivazione fenicia e micenea. I Fenici dominarono a lungo l'intera Sicilia, insieme ai Greci, finché i Romani non riuscirono a strappare a Cartagine, l'intero territorio. Ma già i Cartaginesi e i Greci avviarono la coltivazione della vite e la commercializzazione del vino. Se i Greci importarono le loro uve, e iniziarono le prime forme di allevamento, i Fenici furono protagonisti di intensi scambi in tutto il Mediterraneo. Naturalmente i Romani seppero ingrandire entrambe le specializzazioni, facendo della Sicilia un importante centro di produzione vinicola, e un immenso porto al centro del bacino mediterraneo, esportando i vini ovunque.

La Sicilia infatti si prestava molto bene all'agricoltura, grazie ad una fertilità del suolo importante. Non a caso, prima della conquista dell'Egitto dei Faraoni, la maggior parte del grano importato a Roma proveniva dall'isola. La qualità dei vini migliorò nettamente con i Romani, anche se vi fu un successivo abbandono della viticultura sotto la dominazione araba. Si tornò alle produzioni con l'avvento dei Normanni, e queste proseguirono ininterrottamente fino ai giorni nostri.

Il vino di Monreale appartiene ad un'area molto limitata, ma dalle caratteristiche favorevoli, con un terroir molto completo. Si tratta di colline carbonatiche con forte presenza di dolomie e carsismo. Questo fattore, unito al clima caldo e temperato della Sicilia, garantisce alle uve autoctone un'ottima maturazione e aromaticità.

Il calcare qui condivide il terreno con l'argilla, che rende più idratate le uve in un'area altrimenti sotto l'incubo siccità. Questi terreni sono arricchiti anche da marne e silicio, che fertilizzano il territorio, regalando ai prodotti della terra sapori unici.

Monreale

Monreale (Styrax Benzoin): 100% naturale di incenso, a base vegetale puro, stile giapponese, solid stick, Pure, alta qualità, tempio di incenso con Styrax Benzoin

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,2€


I vigneti di Monreale

Monreale A Monreale si coltivano le principali viti autoctone per la produzione della Doc, a cui si aggiungono alcuni grandi vitigni di origine francese, famosi in tutto il mondo e di grande reputazione. Restano comunque le uve autoctone le protagoniste dell'assemblaggio. Qui il Nero d'Avola e il Perricone sono le due uve maggioritarie nella vinificazione, ma possono essere tagliate anche con del Syrah. Secondariamente, altri vitigni da taglio sono il Pinot Nero, il Cabernet Sauvignon e il Merlot. Inoltre, per il taglio, viene allevato anche il grande supertuscan, il Sangiovese.

Il protagonista della zona è certamente il Nero d'Avola, che produce vini di gran corpo, che vanno però affinati per non essere troppo spigolosi. Inoltre, il taglio con Perricone e Syrah, facilita un certo ammorbidimento del vino, che mantiene però i suoi profumi lievi e fruttati. La presenza del Merlot invece, si spiega con la sua grande attitudine al calcare. Quando il vino viene tagliato con il Cabernet Sauvignon invece, assume delle connotazioni animali, con tocchi di erbe aromatiche, per produzioni diversificate rispetto agli aromi classici del Nero d'Avola.

  • MONREALE I vini a Monreale vengono prodotti sulle colline circostanti che hanno delle connotazioni carbonatiche, il che significa che vi sono delle forti presenze di calcare, sotto forma di dolomie carsiche, i...
  • vin santo Il Vin Santo, chiamato in alcune regioni anche Vino Santo, è un vino classico dell'enologia itaiana destinato all'abbinamento con i dessert in quanto di tipologia dolce. Vi sono molti tipi diversi di ...
  • capri L'isola di Capri è conosciuta per la sua grande bellezza, per le vacanze dei vip e per la sua storia, ma pochi la conoscono per il suo vino, comunque di buona fattura anche se non nelle eccellenze. La...
  • sangiovese La coltivazione vinicola nell'isola d'Elba ha origini molto antiche, tanto che gli scrittori latini la definivano l'isola del buon vino, anche se la vinificazione non era la sua attrattiva principale,...

Point Lobos Cipresso (pino): 100% naturale di incenso, a base vegetale puro, stile giapponese, solid stick, Pure, alta qualità, tempio di incenso con Cypress Pine

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,2€


I vini Doc rossi di Monreale

A Monreale la Doc è nata il 2 novembre 2000, e protegge i vini bianchi e rossi prodotti nei soli comuni di Monreale, Piana degli Albanesi, Camporeale, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Santa Cristina, Gela, Corleone, Roccamena. Le due uve autoctone principali, devono essere usate in almeno la metà della vinificazione, anche se è possibile utilizzarle insieme o singolarmente. Il resto viene affidato alle altre uve, ma il 50% è indicato solo come quantità minima, e non fissa. Sarà quindi possibile aumentare questa percentuale per le uve autoctone.

La forza del Monreale è nelle basse rese consentite, per le uve. Queste sono limitate a sole 10 tonnellate per ettaro, in modo da migliorare la qualità della vinificazione. La legge consente la produzione del Rosso generico, del Novello, del Riserva e dei monovitigni delle uve autoctone. Il Rosso generico è generalmente un vino secco, corposo e strutturato, ma dai toni freschi. Il Riserva si ammorbidisce sia nei colori, fino granata, che nei gusti, che si ammorbidiscono. Il naso risulta molto profumato, seguendo le caratteristiche del vitigno utilizzato. Il Novello invece è molto fruttato e sapido, sempre con un palato astringente, ottimo per i formaggi e gli affettati, ma anche per il pollo grigliato.

Del Monreale si vinifica anche il monovitigno di tutte le uve consentite, come il Pinot nero, che apporta al vino profumi di sottobosco e frutta rossa matura. Perfetto per i formaggi e gli affettati, ma anche con la pasta e il polpettone siciliano. Il Sangiovese invece viene abbinato alla porchetta e alle lasagne, o altri piatti complessi e ricchi di sapori. Con il Cabernet Sauvignon si ottengono vini speziati ed erbacei, mentre il Perricone è più delicato, ottimo con i formaggi e la selvaggina. Si abbinano invece, al Nero d'Avola, le classiche melanzane ripiene tradizionali dell'isola. Poi si usa servirlo con formaggi ben sapidi e montoni arrosto. Grigliate e carne arrosto anche per il Merlot, mentre il Syrah può essere abbinato anche con le ricette siciliane di pesci grassi.


monreale: I migliori rossi di Monreale

Da provare, i vini della Cantina Sociale dell'alto Belice, perfetti per melanzane ripiene e carni arrosto. e agnello al forno. Anche con i formaggi a pasta semidura.

Anche Feotto dello Jato produce vini interessanti e di gran gusto tra cui il Fegotto, con profumi intensi di cuoio e olive, e una bocca balsamica. Va servito su carni di selvaggina. Infine Spadafora, e in particolare il suo Syrah da servire con le aringhe con capperi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO