zampone








Descrizione

Lo zampone è un prodotto gastronomico a basa di carne, grasso e cotenna macinati insieme ad altri ingredienti come spezie varie e sale, molto simile al cotechino.

Questo prodotto appartiene al I gruppo degli alimenti, proprio per le caratteristiche che abbiamo appena citato sopra, ed anche per i suoi valori chimici e nutrizionali che si distinguono per l'apporto di proteine ad alto valore biologico, per i grassi saturi, colesterolo, ferro e vitamine prevalentemente idrosolubili del gruppo B.

Tendenzialmente lo zampone non dovrebbe apportare fibra alimentare e carboidrati, comunque presenti in prodotti che vengono addizionati con farina lattea.

Lo zampone nello specifico, appartiene all'insieme delle carni conservate e si tratta di un insaccato che va consumato solo ed esclusivamente previa cottura, molto lunga e sostenuta, poiché in assenza del trattamento termico, lo zampone non è un alimento facile da digerire.

Questo alimento si distingue dai classici salami, dalle salsicce, dai cotechini e da latri prodotti, per il differente tessuto di insacco.

Infatti per gli alimenti che abbiamo citato ora, normalmente viene utilizzato il budello di animali bovini, oppure quelli sintetici fatti di cellulosa, mentre la carne dello zampone, vine insaccata direttamente all'interni di una zampa di maiale.

L'arto in questione vine sottoposto ad una lunga lavorazione, che prevede lo svuotamento delle ossa e dei muscoli, preservando solo la cotenna esterna, le dita e le unghie.

Il rivestimento dello zampone prima di essere sottoposto all'insacco, si presenta totalmente cavo.

Lo zampone per definizione, è un salume insaccato, destinato alla cucina, tipico della regione emiliana, in particolar modo della provincia di Modena, che negli anni ha ottenuto il riconoscimenti di Indicazione Geografica Protetta “ IGP”.

Le primissime tracce storiche di questo alimento, sembrano risalire al 1500, nella località di Mirandola, un comune situato al limite settentrionale della provincia modenese, al confine con il lombardo mantovano, mentre ad est, prossima delle campagne di Ferrara.

Oltre alla rispettiva città di provenienza, non è un caso che lo zampone, negli anni si sia ampiamente diffuso anche nel ferrarese e nel mantovano, e poi anche nel reggiano e nel parmigiano, oltre che verso la città di Cremona.

Esteticamente lo zampone si presenta come una vera e propria zampa di maiale, compresa dal ginocchio in poi.

L'aspetto dello zampone da crudo, risulta pieno, trofico e di colore rosa, con una legatura presente al vertice superiore, in prossimità del taglio e conserva la totale integrità per il resto dell'insaccato.

Una volta cotto, il suo colore cambia, ed acquisisce dei toni più scuri, ma si presenta più lucente, mentre la consistenza oscilla dal solido ma compatto esternamente, al friabile ma gelatinoso internamente, grazie al collagene presente nella cotenna.

Uno zampone pesa in media uno o due chili al massimo, mentre la sua lunghezza è sempre inferiore al mezzo metro.

ZAMPONE

Zampone Americano Sunol Bonner del Cavallo Antico della Stampa [Cucina & Casa]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,2€
(Risparmi 20,2€)


Proprietà nutrizionali

ZAMPONE Lo zampone, è un alimento molto grasso e per questo dall'alto valore energetico ed è altamente sconsigliato il suo consumo per chi segue diete ipocaloriche contro il sovrappeso, ed anche in linea generale, il suo consumo dovrebbe limitarsi solo al periodo natalizio, o in caso sporadici.

L'apporto calorico dello zampone, è dato prevalentemente dai lipidi presenti in esso, che sono tendenzialmente saturi, che se lo associamo al colesterolo anch'esso presente, rendono lo zampone un prodotto da evitare nei casi di ipercolesterolemia.

Le proteine presenti sono notevoli, e tutte ad alto valore biologico.

Se parliamo dello zampone dal vista salino, dovete sapere che apporta ferro biodisponibile, ad altissima concentrazione di sodio.

Se questo valore è in eccesso nella nostra comune dieta, potrebbe rappresentare un fattore a rischio, per l'insorgenza di ipertensione, oppure aggravarne l'entità nel caso fosse già presente.

Lo zampone, è sconsigliato quindi, ai soggetti con familiarità di ipertensione, oppure ipertensione conclamata, o ad alto rischio cardio-vascolare.

Dal punto di vista delle vitamine, questo alimento dovrebbe essere ricco di vitamine idrosolubili, appartenenti al gruppo B.

Dobbiamo aggiunger infine, che questi nutrienti, vengano persi oppure ridotti drasticamente, per i notevoli tempi di cottura.


  • Cotechino cotto Il cotechino è una carne insaccata tipica della tradizione culinaria dei paesi del nord Italia, realizzato prettamente con carne e cotenna di maiale.Esteticamente questo alimento assomiglia moltissi...
  • acqua L'acqua è l'elemento essenziale alla vita sulla terra, e come tutti sanno senza di essa non sarebbe possibile nella sul nostro pianeta. Viene definito un composto chimico, tra i più semplici che esist...
  • soia La soia, scritto anche soja è una pianta erbacea definita dalla botanica con il nome di Glycine max che fa parte della famiglia Fabaceae mentre per altre classificazioni è una Leguminosa. La sua origi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...

Zampone 1889 del Cacciatore della Norfolk del Cavallo della Rivista di Baily

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,8€
(Risparmi 6,2€)


zampone: Aspetti culinari

ZAMPONE Lo zampone fresco, necessita di una cottura molto lunga, da effettuare in acqua fredda oppure in una pentola a pressione.

Il suo valore gastronomico, è nettamente superiore a quello dello zampone precotto, che si avvale oltretutto di una maggiore praticità al consumo, per i minori tempi di cottura.

Lo zampone viene servito con contorni dal gusto deciso, molto ricchi e tendenzialmente cotti, come ad esempio il pure di patate, oppure le lenticchie stufate.

Per quanto riguarda i vine che si prestano bene per essere serviti con lo zampone, sono sicuramente quelli rossi, molto corposi e dotati di un forte potere sgrassante, come ad esempio il Lambruscoo di Sorbara e molti altri ancora.

Per concludere ricordiamo che questo alimento va consumato solo in occasioni particolari, dato il suo alto valore energetico.



COMMENTI SULL' ARTICOLO