soia controindicazioni








Introduzione

Con il trascorrere del tempo, la ricerca sempre più avanzata sulle proprietà, benefici e componenti della soia sembra essere aumentata notevolmente sugli effetti della salute.

La ricerca si espande non soltanto per le aree del cancro o delle malattie del cuore oppure osteoporosi, ma va ben oltre.

I proprietari delle industrie di soia, sostengono che questo alimento abbia molteplici vantaggi potenziali di quanto uno crede realmente.

Con il progresso della tecnologia, si possono trovare in commercio proteine di soia isolate rispetto a qualche tempo fa, che erano considerate dei veri e propri sottoprodotti.

Con l'introduzione di aromi, emulsionanti, dolcificanti e sostanze nutrizionali sintetiche questo prodotto considerato da sempre il brutto anatroccolo tra i cibi, ora è diventato il cibo miracolo della new age.

La soia trova ampio spazio non per il suo aspetto estetico, ma per le sue presunte virtù, infatti in passato l'impiego delle proteine di soia veniva commercializzato come additivo e sostituto della carne, anche se non sono riusciti a produrre un quantitativo sufficiente a coprire la richiesta.

Con questa problematica, l'industria ha cambiato notevolmente il suo approccio con il mercato, tanto da commercializzare il prodotto tra le fasce più ricche della società.

Oggi la vendita della soia e dei suoi derivati come latte, carne, yogurt, farina ed olio di semi di soia, è stata spinta verso una tipologia di cliente, ovvero quello più agiato economicamente.

Con il passare del tempo, la soia è diventata l'alimento base di vegani e vegetariani, nonostante sia priva di proteine complete, di ferro, zinco e contiene inoltre un composto che blocca l'assorbimento dei nutrienti appena elencati derivate da altre sorgenti.

Gli alimenti a base di soia, aumentano nel corpo umano la richiesta di vitamina D e B12, essenziali per una crescita adeguata e normale.

Soia

Soia cioccolato negozio fagioli, Nero, Valrhona Caraïbe 66%, peso: circa 500 G

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,7€


Storia

soia Fino a qualche decennio fa la soia era considerata un alimento non commestibile, persino dai popoli asiatici, ma nel periodo della dinastia di Chou, faceva parte dei 5 grani sacri, con orzo, frumento, riso e miglio.

Recenti studi, hanno dimostrato che la soia anticamente non è mai stata consumata come alimento, ma solamente come metodo per fissare l'azoto nel terreno.

Tutto questo fino alla scoperta della fermentazione, che veniva fatta inizialmente come temph, miso, natto e salsa di soia.

Qualche tempo più tardi, grazie alla scoperta di alcuni scienziati cinesi, si è realizzato il caglio, facendo precipitare la soia con solfato di calcio ovvero gesso e solfato di magnesio, ovvero sale inglese, da qui nacque il tofu.

L'utilizzo della soia fermentata si estese in pochissimo tempo in gran parte dell'oriente, in particolar modo in Indonesia e Giappone.

Le popolazioni della Cina non hanno mangiato soia fermentata perché avevano altri legumi commestibili da poter consumare, come le lenticchie e perché questo alimento contiene molteplici tossine pericolose per la nostra salute.

Tra i primi citiamo i potenti inibitori di enzimi, in grado di bloccare e funzioni della tripsina, un enzima che serve a scindere le proteine ma anche utile per il funzionamento regolare della digestione


    Siero in Gel Peeling con Acido Lattico 10% Anti-Aging Serum - Derivato Naturale della Soia (Peeling Chimico Professionale) Riempie Linee e Rughe

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 28€


    soia controindicazioni: Controindicazioni e lati oscuri della soia

    soia Gli inibitori di cui accennavamo sopra, sono delle complesse proteine che non vengono disattivate con la normale cottura.

    Questi possono provocare dolori di forte entità allo stomaco, rallentare la digestione oltre a provocare insufficienza cronica nell'assimilazione degli amminoacidi.

    Un alimentazione solo ed esclusivamente fatta di soia e derivati, ovvero di tripsina, a lungo andare causa ingrandimento del pancreas fino ad arrivare al cancro.

    All'interno della soia, si trova anche l'emaglutinina, una sostanza coagulante che fa in modo di far raggruppare tra loro i globuli rossi.

    Questa sostanza, unita alla Tripsina, è un vero inibitore della crescita, che gran parte vengono neutralizzati tramite il processo di fermentazione.

    Gli inibitori dell'azione enzimatica nei prodotti di soia precipitati, si concentrano gran parte nel liquido invece che nel caglio, quindi possiamo aggiungere che nel tofu, gli inibitori della crescita sono presenti in piccole quantità, ma non completamente assenti.

    All'interno della soia si possono trovare anche delle sostanze inibitorie per il corretto funzionamento della tiroide, oltre ad elevate quantità di acido fitico, presente anche nella crusca e nella cuticola che riveste ogni singolo seme.

    Questa sostanza, è in grado di fermare l'assorbimento da parte del fisico dei sali minerali essenziali, come il magnesio, calcio, ferro, rame e zinco nel tratto intestinale.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO