avocado








Descrizione

L'avocado, è il frutto carnoso di una pianta tropicale che appartiene alla famiglia delle “lauraceae”, del genere “persea”, una specie americana.

Questo alimento piuttosto singolare, dal punto di vista nutrizionale, ha delle controversie.

Il termine avocado, deriva dallo spagnolo “aguacete” ed ancora prima dal sostantivo “ahuacat” che significa testicolo, perché questa pianta si genera in coppia.

Questa pianta venne scoperta in Europa durante la perlustrazione spagnola nelle Americhe.

Le dimensioni di questo frutto sono molto notevoli, infatti può arrivare a 20 cm di grandezza per un chilo di peso.

La sua mole e la sua forma caratteristica, ricordano quella della melanzana, anche se il colore della sua buccia, tende al verde scuro e la sua superficie a differenza della melanzana, può risultare rugosa.

Il ricettacolo dell'avocado è di colore chiaro tendente al giallognolo, con la presenza di intense sfumature verdi, mentre il seme interno, che è di grandi dimensioni ed unico, è di colore bruno, molto pesante con la tipica forma a goccia.

Una cosa molto importante da sapere, è che questo frutto, matura solo dopo essere stato raccolto.

Una pianta di avocado, può arrivare fino a 200 anni di vita e sono alte fino a 10 metri.

Le chiome presenti, sono costituite da foglie numerosissime molto larghe di colore verde scuro, mentre il tronco della pianta, ha una corteccia molto chiara, che tende al giallo-beige.

I frutti nascono da fori molto piccoli di colore giallo e di media una pinta produce circa 400 avocadi all'anno.

Le varietà di questo frutto sono moltissime e quella più diffusa, è sicuramente la “ Hass” che copre circa l'ottanta percento del consumo mondiale, ed è un albero innestato.

L'avocado nasce nell'America centrale in Messico e nella regione Andina.

Ad oggi i maggiori produttori oltre ad essere le nazioni di origine, specialmente il Messico, sono alcuni paesi dell'America del sud e dell'Indonesia.

Da quanto abbiamo appena citato, è quindi facilmente deducibile che questa pianta necessiti di un clima sub-tropicale, assolutamente caldo e non rigido.

Avocado

OXO X1252180 Taglia Avocado, Plastica, Verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,74€


Caratteristiche e valori nutrizionali

L'avocato diversamente da come si crede, è un frutto con molte calorie ed è ricchissimo di grassi. Questo perché ha una composizione lipidica monoinsatura con forte presenza di acido oleico ed anche delle molecole lipofile che sono annesse.

Ad ogni modo, ogni singolo frutto di avocado ha circa 400-500 chilo-calorie che sono decisamente troppe.

Il frutto di avocado, è stato impiegato in moltissime ricerche in ambito medico-nutrizionale ed uno di questi studi, è stato condotto da Garg, che ha osservato gli effetti dell'aumento di grassi nelle diete dove era presente l'assunzione dell'avocato, nonostante questo sia scarso di carboidrati, in un campione di sangue di persone affette da diabete ed ipertrigliceridemici. I risultati finali, sono stati positivi, poiché hanno portato ad una notevole diminuzione dei livelli di trigliceridi nel sangue.

Questo frutto, sarebbe anche utilissimo nella lotta all'ipercolesterolemia, infatti uno studio in Messico ha osservato come gli effetti dell'utilizzo di avocado, in campioni di soggetti affetti da questa dislipidemia, abbia avuto riscontri molto positivi.

Tra i tanti benefici che questo frutto può avere per il nostro organismo, dobbiamo aggiungere, che esso è una ricca fonte di potassio e magnesio.

Questi due importanti sali minerali, possono essere in grado di tenere sotto controllo i livelli della pressione arteriosa, prevenendone il rischio di ipertensione.

Dal punto di vista delle vitamine, dobbiamo ricordare che l'avocado possiede un elevato contenuto di acido folico, elemento fondamentale per la crescita e lo sviluppo del feto in gravidanza. Infatti nel caso la donna fosse carente di questa vitamina, il nascituro, potrebbe avere gravi problemi.

L'avocado è una discreta fonte di vitamina E, un potente antiossidante utile anch'esso al nostro organismo.

  • acqua L'acqua è l'elemento essenziale alla vita sulla terra, e come tutti sanno senza di essa non sarebbe possibile nella sul nostro pianeta. Viene definito un composto chimico, tra i più semplici che esist...
  • soia La soia, scritto anche soja è una pianta erbacea definita dalla botanica con il nome di Glycine max che fa parte della famiglia Fabaceae mentre per altre classificazioni è una Leguminosa. La sua origi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...
  • Penne ai peperoni I peperoni sono un ortaggio facente parte di una vasta famiglia, quella delle Solinaceae, con numerosissime varietà che vanno dai piccoli peperoncini piccanti fino ai grandi peperoni utilizzati in mol...

OXO X1143380 Taglia Avocado, Plastica, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,81€
(Risparmi 1,93€)


avocado: Tossicità sugli animali

AvocadoLe foglie, la corteccia, i frutti ed i semi contenenti nell'avocado, sono stati documentati come tossici e dannosi su diversi animali.

Cani, gatti, uccelli in generale, capre, conigli, pesci, possono subire gravissimi danni o addirittura morire, se consumano questo frutto.

L'intera pianta di avocado, contiene infatti un derivato dell'acido grasso, altamente tossico dal nome di “persina”, la quale al contrario, è innocua per l'uomo.

Può causa forte coliche e mastite, nei cavalli, nei caprini e nei bovini, se non vengono adoperate misure tempestive per mezzo di medicine e questi disturbi, potrebbero portare anche alla morte dell'animale.

I sintomi di avvelenamento nei cani e nei gatti includono irritazione per il tratto intestinale, vomito e diarrea.

Per quanto riguarda gli uccelli in generale, sembrano essere particolarmente sensibili a questo composto tossico, tanto da provocargli difficoltà respiratoria, congestione, perdita del piumaggio, apatia ed accumulo di liquidi intorno al tessuto cardiaco che a sua volta può provocare asfissia e morte.



COMMENTI SULL' ARTICOLO