cavolo cappuccio rosso








Generalità

Il cavolo cappuccio rosso ed il cavolo verza, sono due sottospecie della nota pianta “Brassica Oleracea, che appartiene alla famiglia delle “Brassicacee”.

In ambito botanico, il cavolo cappuccio rosso è conosciuto con il nome di “capitata”, mentre quello verza viene detto “sabauda”.

Le foglie del cavolo cappuccio, si presentano molto levigate e rientranti e possono raggiungere fino ai 50 centimetri di altezza, la parte edibile invece, è costituita dal germoglio che si trova al centro, ma anche esternamente ed è di colore verde oppure rosso, a seconda della qualità della specie.

Entrambi i tipi di cavolo cappuccio, sia quello rosso che quello verde, hanno le stesse caratteristiche botaniche e chimico-nutrizionali.

Il cavolo verza, si differenzia dalle foglie, che si presentano molto più rugose con numerose grinze e protrusioni.

Cavolo cappuccio rosso

LATTINA 5L - Olio Extra Vergine Pugliese - Nuovo 2016 - Certificato 100% Italiano - Confezionato in Frantoio - Estratto a Freddo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 45€


Coltivazione

Cavolo cappuccio rosso Il cavolo cappuccio rosso, è una pianta che sfrutta notevolmente il terreno, e proprio per questo, nel momento della coltivazione, deve essere collocata al primo posto nella rotazione delle colture.

Essendo molto grande di dimensione, nella coltivazione casalinga, è preferibile scegliere il cavolo cappuccio dalla forma allungata come ad esempio il tipo “ Mercato di Copenaghen”.

Il terreno per la crescita di questa pianta deve essere ben concimato fin dal periodo autunnale con l'impiego nel terreno di letame maturo, o stallatico, oppure ossa, e farina di carne.

Un metodo alternativo ma sempre molto efficace potrebbe essere l'impiego di farina di roccia, oppure macerato di ortica.

Dovete sapere inoltre, che una concimazione eccessiva, è ugualmente molto dannosa, quanto l'utilizzo di un terreno impoverito.

La semina del cavolo cappuccio rosso, avviene in base alla tardività o alla precocità, infatti tra il mese di marzo e quello di aprile si coltiva in aiuole da semina, dopo nel periodo che va da aprile a giugno, le piante si possono reinserire in campo, con una distanza l'una dall'altra di circa 40 centimetri.

Per avere una buona riuscita di questa pianta, è necessario mantenere il terreno sempre umido e soffice.


  • acqua L'acqua è l'elemento essenziale alla vita sulla terra, e come tutti sanno senza di essa non sarebbe possibile nella sul nostro pianeta. Viene definito un composto chimico, tra i più semplici che esist...
  • soia La soia, scritto anche soja è una pianta erbacea definita dalla botanica con il nome di Glycine max che fa parte della famiglia Fabaceae mentre per altre classificazioni è una Leguminosa. La sua origi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...
  • Penne ai peperoni I peperoni sono un ortaggio facente parte di una vasta famiglia, quella delle Solinaceae, con numerosissime varietà che vanno dai piccoli peperoncini piccanti fino ai grandi peperoni utilizzati in mol...

YOUQIZHI LED sorprendenti effetti visivi luminosi Sette colori trasformare polpo dell'arte Scultura accende regalo interruttore alimentato via USB

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,86€


cavolo cappuccio rosso: Valori nutrizionali

Cavolo cappuccio rosso Per quanto riguarda i valori nutrizionali di questa pianta, possiamo dire che apporta numerose quantità di vitamine ed anche di antiossidanti, specialmente le sostanze fenoliche, infatti il cavolo cappuccio ed anche quello verza, sono considerati alimenti molto protettivi nei confronti di diverse forme tumorali.

Essendo ricchi di fibra alimentare, aiutano a regolarizzare il corretto funzionamento intestinale, sia preventivo che curativo contro la stipsi.

Il potassio ed anche il ferro, sono presenti in quantità apprezzabili, mentre per il contenuto di purine, sono sovrapponibili a quello del cavolfiore ed anche a quello dei broccoli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO