cetriolini sott'aceto








Introduzione

Il cetriolo è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle “Cucurbitaceae” originario dell'India e la sua nomenclatura binomiale è “Cucumis Sativus”, molto apprezzato nelle regioni del settentrione.

Questa pianta può essere sia strisciante che rampicante quando ha la possibilità di farlo, e quando sale si aggrappa attraverso i cirri che produce sia dai usti che dai rami.

Il fusto della pianta del cetriolo è di forma quadrangolare e ricoperto da peluria con la presenza di coste più o meno visibili.

Le foglie presenti sono di una grandezza media e sono palmate e lobate sostenute da un lungo picciolo di colore verde scuro e ruvide al tatto.

Per quanto riguarda i fiori, questi sono di colore giallo a 5 lobi di media grandezza ed unisessuali, e vengono portati dalla stesa pianta, ovvero pianta monoica, mentre quelli maschili crescono a gruppi di circa 5 soggetti, contrariamente alle femmine che crescono solitarie oppure in coppie di due.

Il frutto che si ricava da questo vegetale è una lunga bacca che contiene moltissima polpa ed è ricchissima di acqua.

La forma del cetriolo è allunga molto simile a quella della zucchina, con una buccia dalla consistenza spessa ma comunque edule e tendenzialmente un po bitorzoluto di colore verde intenso, con una polpa di colore bianco e molto succosa, leggermente acidula, con dei piccoli semi nella parte centrale.

Il cetriolo si consuma freso e tagliato a fette insieme a insalate miste, oppure come guarnitura di piatti freddi.

Se raccolto ancora immaturo, il frutto ha piccolissime dimensioni e vine chiamato volgarmente “cetriolino” e viene conservato sott'aceto per poi essere consumato inseme ad altri antipasti misti freddi ed estivi ed una volt a fette, lo possiamo trovare nella tanto apprezzata giardiniera.

Il cetriolo ha pochissime calorie pari a 13 per 100 grammi di prodotto e per questo è particolarmente indicato nelle diete per il dimagrimento e la sua composizione è principalmente di acqua pari al 96% del prodotto, mentre i carboidrati sono quasi inesistenti con solo il 2%.

Per quanto riguarda le vitamine ed i sali minerali abbiamo il potassio (140mg), poi il calcio (16mg), fosforo (17mg), e sodio (4mg). La vitamina principale e la vitamina C, mentre sono trascurabili tutte le altre vitamine appartenenti ad altri gruppi.

Questo ortaggio andrebbe consumato quando la sua consistenza al tatto risulta essere dura, perché se la polpa non risulta tale, questo significa che il frutto non è più buono.

Se osserviamo il frutto dal punto di vista digestivo, questo non è sempre ben tollerato da tutti, specialmente dai bambini.

In commercio si possono trovare moltissime tipologie di cetriolo, tra cui la specie ibrida tipica della regione Puglia tra questo ortaggio ed il melone, chiamato “Carosello Bianco Barese”, chiamato volgarmente “Cocomero”.

Cetrioli sottaceto

Stouls Larson Julh 24027 - Colla di amido senza acidi, 250 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,87€
(Risparmi 2,1€)


Proprietà

Cetrioli sottaceto Ora scopriremo insieme tutte le proprietà benefiche del cetriolo:

- Diuretico: il cetriolo essendo ricchissimo di acqua e di potassio è un ottimo alleato per l'idratazione del corpo e di conseguenza per il miglior funzionamento di reni e vescica.

Un consumo regolare di cetriolo stimola la diuresi ed elimina i liquidi in eccesso

- Lassativo: Questo frutto non ha delle vere e proprie proprietà lassative, ma la grande presenza di acqua e di fibre, favorisce il normale transito intestinale

- Benefico per i reni: Un consumo abituale di questo frutto, evita la formazione dei calcoli renali e di conseguenza anche benefico per la vescica

- Iposodico: Il cetriolo ha bassissime quantità di sodio ed altissime percentuali di potassio e queste aiutano a diminuire la pressione arteriosa

- Benefici del diabete: Essendo il cetriolo privo di carboidrati e ricco di fibre, aiuta a mantenere i livelli di glicemia nel sangue bassi e quindi particolarmente indicata nell'alimentazione del diabetico.


  • acqua L'acqua è l'elemento essenziale alla vita sulla terra, e come tutti sanno senza di essa non sarebbe possibile nella sul nostro pianeta. Viene definito un composto chimico, tra i più semplici che esist...
  • soia La soia, scritto anche soja è una pianta erbacea definita dalla botanica con il nome di Glycine max che fa parte della famiglia Fabaceae mentre per altre classificazioni è una Leguminosa. La sua origi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...
  • Penne ai peperoni I peperoni sono un ortaggio facente parte di una vasta famiglia, quella delle Solinaceae, con numerosissime varietà che vanno dai piccoli peperoncini piccanti fino ai grandi peperoni utilizzati in mol...

Puckator - Tazza in ceramica con manico a forma di rana, decorazioni con alberi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,53€
(Risparmi 4,22€)


cetriolini sott'aceto: Ricetta

Cetrioli sottacetoPer la preparazione di un barattolo di cetrioli sott'aceto occorre avere in casa 2 cetrioli, aceto di vino bianco, pepe in grani e 50 grammi di zucchero

Procedimento

Lavate accuratamente i cetrioli e dopo asciugateli, dopo tagliateli a fettine e poneteli su uno scolapasta ricoperti di sale e lasciateli riposare tutta la notte con un peso sopra.

Il giorno seguente cuocete i cetrioli con acqua, aceto e zucchero ed una volta terminato questo passaggio, prendete il barattolo precedentemente sterilizzato ed aggiungetevi dentro mano mano il cetriolo con il pepe in grani e versate al suo interno l'aceto bollente che avete utilizzato nel passaggio precedente.

Fate raffreddare per circa trenta minuti e dopo chiudete il contenitore con il tappo ermetico e riponetelo nella dispensa.

Vi ricordiamo che una volta aperto il barattolo, questo va riposto in frigorifero e il prodotto deve essere conservato entro una settimana.

I cetrioli sott'aceto sono ottimi da servire in tavola accompagnati ad insalate e piatti estivi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO