farina di ceci








Introduzione

I ceci sono una pianta erbacea, appartenente alla famiglia delle fabaceae o leguminosi.

Trattandosi di legumi, il suo impiego alimentare, deve essere utilizzato solo dopo essiccazione.

Nel nostro paese, questa pianta è particolarmente coltivata nella regione Umbria, nel Lazio ed in Toscana, ma soprattutto in Liguria dove realizzano con la farina di questo legume la tipica e tradizionale torta che viene chiamata “farinata”.

La pianta del cece dalla quale si ricava la farina, è alta circa 50 centimetri ed il suo fusto è ricoperto interamente di peluria, con la presenza di foglie opposte e dentate.

Le radici di questa pianta erbacea, sono molto profonde e possono arrivare anche a due metri nel sottosuolo, infatti proprio per questa caratteristica, la pianta sopravvive anche a climi molto aridi e con scarsità di acqua.

Il cece, è la terza pianta leguminosa prodotta in Italia, dopo il fagiolo e la soia.

Nel nostro paese tuttavia non viene fatta una grande coltivazione di questo legume soprattutto a causa del terreno poco adatto, ma anche della bassa resa e della scarsa richiesta sul mercato.

FARINA DI CECI

Pizza di 'farina di ceci' Puritas Faina Mix 250 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Valori nutrizionali

FARINA DI CECI I ceci essiccati, sono dei legumi con un lato apporto calorico, infatti per 100 grammi di questo prodotto, ci sono 316 calorie, infatti questi rispetto ai fagioli, una volta cotti, hanno il 6% di grassi, contro il 2% dell'altro legume.

Nonostante questo pero, i ceci risultano essere piu equilibrati in termini di distribuzione di micronutrienti oltre ad essere molto energetici.

Alcuni studiosi, hanno attribuito a questo prodotto, proprietà terapeutiche, grazie all'elevata presenza di saponine, una sostanza utilissima per diminuire i livelli di colesterolo nel sangue ed anche per i trigliceridi.

Tra le sue tantissime proprietà utili all'organismo umano, ricordiamo inoltre che i ceci, sono una naturale fonte di fibre e vi vitamine del gruppo B C ed E.

nei ceci si trovano anche dei minerali, come il fosforo ed il magnesio.

Questi preziosissimi legumi poco conosciuti nel nostro paese, contengono una sufficiente quantità di acidi grassi polinsaturi, specialmente l'acido linoleico.

Inoltre questo frutto, vanta discrete proprietà antiacide, utili contro l'eccesso di produzione di succhi gastrici dell'apparato digerente.

Il consumo di ceci inoltre, può anche essere un aiuto contro le ulcere gastroduodenali.

Una volta che questo prodotto viene deve essere posto in frigorifero con abbondante acqua fredda per circa 12 ore, come abbiamo citato sopra e dopo se volete realizzare un pure di ceci, basta solamente lessarli e poi schiacciarli.

Nei paesi orientali, i ceci lessati e schiacciati vengono assaporati con l'aggiunta di sesamo, olio extra vergine di oliva e limone e questa ricetta prende il nome di “humus”.

Un altro consumo di questo pasto, è di farli tostare sulla cenere dopo averli messi a macerare molto tempo prima ed asciugati.

I ceci essiccati, vengono impiegati anche per fare la famosa farina di ceci.

  • acqua L'acqua è l'elemento essenziale alla vita sulla terra, e come tutti sanno senza di essa non sarebbe possibile nella sul nostro pianeta. Viene definito un composto chimico, tra i più semplici che esist...
  • soia La soia, scritto anche soja è una pianta erbacea definita dalla botanica con il nome di Glycine max che fa parte della famiglia Fabaceae mentre per altre classificazioni è una Leguminosa. La sua origi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...
  • Penne ai peperoni I peperoni sono un ortaggio facente parte di una vasta famiglia, quella delle Solinaceae, con numerosissime varietà che vanno dai piccoli peperoncini piccanti fino ai grandi peperoni utilizzati in mol...

Top2cook Spiralizer - Taglia-verdure a spirale e rondelle, per frutta e verdura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,06€


farina di ceci: Farina di ceci e realizzazione

FARINA DI CECI Le primissime testimonianze dell'antichità riguardo all'utilizzo della farina di ceci, risalgono all'antichissima eta del bronzo, da parte della popolazione Irachena.

Più tardi, la coltivazione, inizio ad interessare non solo l'Egitto, ma anche l'Impero Romano.

Ad oggi l'utilizzo dei ceci per la realizzazione della farina, è impiegato principalmente in India ed in Pakistan. La farina di ceci, è un 'ottima alternativa alla farina classica di frumento, e si ottiene mediante la macinazione dei semi di ceci essiccati in precedenza, ed è un alimento molto ricco di sali minerali come il fosforo, il calcio, il ferro ed anche proteine vegetali.

La macinazione di questi semi, viene fatta a cilindro, oppure a pietra e quest'ultima è di qualità superiore.

Nel processo di macinazione, è inclusa anche la raffinazione, necessaria per separare il prodotto dalla crusca.

Questo alimento, è molto conosciuto nella regione Liguria e come abbiamo citato sopra, grazie a questo realizzano la famosa e tradizionale farinata, specialità tipica del posto.

La farinata si può descrivere come una torta di ceci molto bassa, realizzata solamente con farina di ceci, acqua, sale ed olio extra vergine di oliva.

La cottura ideale di questo prodotto, sarebbe con l'impiego del forno a legna, ma spesso viene fatta cuocere in padella.

La farina di ceci inoltre, viene utilizzata anche per la produzione della panissa, anch'essa una specialità tipica della tradizione culinaria ligure, ma questa torta a differenza della farinata, viene ricoperta interamente di cipolla.

Questo prodotto, può anche essere mescolato con la classica farina di grano e l'uovo, per la preparazione della pasta fresca fatta in casa.

Come abbiamo visto, con questa farina si possono realizzare diversi alimenti, tutti molto gustosi, grazie al sapore dei ceci e all'aggiunta di altri ingredienti naturali.

Un'idea originale, è l'impiego di questa polvere di ceci, per realizzare gli gnocchi seguendo la ricetta classica, oppure per comporre la pastella da adoperare per la frittura di verdure ed ortaggi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO