caffè brasiliano








Caffè brasiliano

Lo stato del Brasile come sappiamo è un vero gigante del caffè, infatti produce oltre il 30% del prodotto mondiale. Esso inoltre rappresenta una delle produzioni da coltivazione per esportazione più rilevanti per tutto il paese. I campi di caffè sono concentrati maggiormente nella zona tropicale e subtropicale e nell'altopiano di Sao Paulo e nella regione di Minas Gerais. In Brasile vengono coltivati ben oltre quattro milioni di piante da caffè, da quelle più grandi alle più piccole. Gli alberi possono raggiungere anche i 18 metri di altezza, anche se durante le coltivazioni vengono potate per così in questo modo il raccolto delle drupe. La varietà più coltivata è quella Arabica, che occupa circa l'80% dell'intera piantagione, mentre il restante 15% è riservato alla coltivazione della varietà Robusta brasiliana, molto spesso non destinata all'esportazione, ma solo di consumo locale. La qualità arabica più nota è la Santos, grazie al gusto intenso e ricco, dalla consistenza corposa e dai toni dolciastri. Tale varietà prende il nome dell'omonimo porto che dista 75 chilometri da Sao Paulo.

Il caffè è anche una bevanda molto conosciuta e apprezzata dai brasiliani, che ne bevono grandi quantità. Non potrebbe essere altrimenti, in un paese che ha visto anche molta immigrazione italiana alla fine dell'Ottocento e ai primi del Novecento.

Caffe brasiliano

Caffè Borbone Cialde Miscela Rossa - Confezione da 150 Pezzi, 44 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,5€


Storia

La Coffea non è originaria delle Americhe, ma è giunta fin qui a seguito del colonialismo europeo. La prima piantina di caffè venne trapiantata dal sergente portoghese Francisco de Melo, nell'odierno Stato di Parà intorno al 1727. Una antica leggenda narra che i popoli portoghesi stessero cercando un fusto della pianta con il tentativo di entrare a far parte del commercio nascente, ma purtroppo non riuscirono ad ottenere i semi a causa della ferrea volontà da parte del governo che vietava l'esportazione. Palheta tramite una missione diplomatica riuscì a portare via con se alcuni chicchi di caffè di contrabbando, dopo essere riuscito a sedurre la moglie del governatore francese a tal punto che ella stessa consegnò segretamente un sacchetto contenti i semi. Con il passare del tempo la diffusione del caffè raggiunse il territorio di Rio de Janeiro intorno al 1770, ma per molto tempo restò un prodotto destinato al consumo locale. Agli inizi del diciannovesimo secolo la domanda da parte degli Stati Uniti e dell'Europa crebbe fino ad arrivare ad un vero e proprio boom di caffè. Tale ciclo durò dai primi anni del 1830 fino al 1850, contribuendo purtroppo alla crescita della schiavitù brasiliana, ma anche una maggiore industrializzazione del paese. Le coltivazioni degli Stati di Rio di San Paolo e Minas Gerais si ampliarono moltissimo nel corso del 1820, a tal punto che alla fine del decennio rappresentavano circa il 20% della produzione mondiale di caffè. A partire dal 1830 grazie al caffè il Brasile riuscì nella sua prima importazione, fino a raggiungere il 30% della raccolta globale. La quota di esportazione raggiunse il 40% negli anni 1840, a tal punto che il Brasile divenne il maggiore coltivatore di caffè in tutto il mondo. La prima industria che produceva caffè restò per moltissimi anni alla dipendenza della manodopera costituita da soli schiavi. Più tardi nella prima metà del diciannovesimo secolo, la tratta atlantica degli schiavi provenienti dall'Africa, condusse oltre oceano oltre 1,5 milioni di persone. Queste subirono la deportazione così da essere inserite come forza lavoro gratuita nelle piantagioni dell'impero. Nel 1850 la tratta nigeriana venne bandita, ma tutto questo costrinse ai coltivatori alla ricerca di immigrati europei, che arrivavano in gran numero. Così la domanda da parte dei grandi proprietari venne soddisfatta, ma nonostante ciò il commercio interno della schiavitù proseguì, specialmente nel Regione Nord del Brasile, fino a quando non venne abolito lo schiavismo nel 1888.

  • espresso Il caffè è la bevanda non alcolica più amata dagli italiani, il popolo che forse più di tutti ha trovato in questo caldo preparato un'identità propria, tanto che nessun popolo lo beve alla maniera del...
  • torta cacao e noci La torta cacao e noci è un gustoso dessert che si prepara facilmente. E' un gustoso dolce che ha tra gli ingredienti il caffè. Potete scegliere di non aggiungere il caffè alla vostra torta. Questa è u...
  • Il caffè è la bevanda analcolica ed energetica più amata e bevuta al mondo, soprattutto dal popolo italiano che ne consuma in quantità notevoli. In molti, la prima cosa che desiderano appena aprono g...
  • Il caffè è una bevanda energizzante molto amata nel mondo, soprattutto dal popolo italiano che ne consuma in grandi quantità. Dal colore scuro e il sapore amaro, esso può darti quella giusta carica in...

Kimbo Cialde Espresso Box da 100 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,5€


caffè brasiliano: Preparazione del caffè Brasiliano

Per la preparazione casalinga del caffè brasiliano dovete avere in casa i seguenti ingredienti:

1. 1 tazzina di caffè qualità Arabica

2. 1 Cucchiaino di zucchero bianco

3. Spuma di latte q.b

3. ½ bicchierino di Baileys

4. Cacao amaro in polvere q.b

5. 1 foglio di colla di pesce per dolci

Procedimento:

Iniziate la ricetta preparando il classico caffè come lo realizzate al mattino, aggiungendovi un cucchiaino di zucchero bianco. Successivamente una volta pronto, aggiungetevi il Baileys, celebre liquore Irlandese. Ora passate alla crema di latte da realizzare con la macchina del caffè espresso, aggiungendovi l'apposita canaletta che renderà la vostra crema ancora più densa. Se in casa non avete la macchina per il caffè espresso, aggiungete al latte la colla di pesce precedentemente sciolta a fuoco basso e mescolate fino al raggiungimento di una composto liscio e cremoso. Una volta pronto, versate il caffè nella tazzina e consumate ancora ben caldo. Per arricchire la bevanda potete aggiungervi qualche chicco di caffè.



COMMENTI SULL' ARTICOLO