astice








Generalità

Iniziamo il seguente articolo, ricordando ai lettori, che l'astice, non è l'aragosta, infatti si tratta di due animali che appartengono a specie, famiglie e genere molti differenti, anche se spesso è facile confonderli.

L'astice è un crostaceo decapoide appartenente alla famiglia “Nephropidae”, del genere “Homarus”.

Dal punto di vista morfologico, l'astice assomiglia particolarmente agli scampi oppure ai gamberi italiani di fiume, mentre rispetto al gruppo dei gamberi di mare, l'astice si distingue per questi fattori:

Come prima cosa,sono presenti due grandi chele frontali, una più imponente dell'altra, con la quali caccia e si difende dai predatori come la platessa, il pesce lupo, e l'halibut e molti altri ancora.

Per terminare, l'astice ha quattro antenne, di cui due più corte e le altre due più lunghe.

Sia le chele che le antenne e le zampe, sono appendici vincolate alla testa, ed anche il cervello ed alcune viscere fanno parte del corpo di questo animale, mentre il corpo stesso, che al suo interno contiene il muscolo propulsore che serve alla fuga, si presenta segmentato in diverse parti, e termina con una ampia coda dalla forma di ventaglio.

L'astice depone un notevole numero di uova, ma solo una su dieci riesce a schiudersi e poi a raggiungere l'età adulta.

Questo animale si nutre prevalentemente di molluschi bivalvi lamellibranchi, ricci di mare e molti altri invertebrati, ma spesso occasionalmente, assumono pure un comportamento saprofago.

Le specie di astice, sono due, l'astice Europeo, della specie Homarus gammarus, e l'altro è l'astice americano, della specie Homarus americanus.

L'astice Europeo si presenta di colore bluastro sulla parte del dorso, mentre il ventre è molto chiaro.

Può raggiungere il mezzo metro di lunghezza, anche se gli esemplari che si trovano in commercio, hanno una lunghezza compresa tra i 30 ed i 40 centimetri.

L'astice Europeo è molto diffuso nell'Oceano atlantico dell'est, dalla parte del versante africano, spagnolo, portoghese ed anglosassone, e sulle coste della penisola scandinava, specialmente in Norvegia.

E' presente anche nel Mar Mediterraneo dove risulta ben distribuito ma con maggior densità nel Mar Egeo.

La pesca di astice europea, avviene specialmente in fondali rocciosi tra i 20 ed i 50 metri di profondità, anche se questo crostaceo, può raggiungere anche approfondita abissali, dove viene catturato attraverso l'utilizzo di apposite nasse, infatti si tratta di una specie molto poco presente sul mercato, rispetto alla specie americana, pur vantando caratteristiche gustative sensibilmente migliori.

L'astice Americano, ha una struttura morfologica molto simile a quella dell'astice europeo e la sola distinzione estetica, è il colore più chiaro del carapace, infatti questo è tendente al bruno-rossastro, invece che scuro-bluastro.

Questa specie di crostaceo, presenta un comportamento molto differente rispetto all'astice europeo, e questo influisce moltissimo sul metodo di prelievo del crostaceo.

L'astice americano è più coraggioso, più aggressivo e trascorre molto tempo i acque libere rispetto al cugino europeo, che esce dalla tana solo ed esclusivamente per alimentarsi e molto raramente decide di affrontare l'avversario in acqua libera.

Quanto appena citato si traduce in una differente tecnica di pesca tra l'astice europeo e quello americano, che viene catturato anche a mano, su fondali sabbiosi e non eccessivamente profondi.

astice

Kitchen Craft Pinza per crostacei e forchette per frutti di mare, in acciaio INOX, set regalo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,66€


Caratteristiche nutrizionali

astice L'astice appartiene alla lista degli alimenti potenzialmente allergizzanti, sono dunque sconsigliati per l'alimentazione in gravidanza, nel periodo dell'allattamento, ed anche in quello che segue lo svezzamento.

Questo alimento è dci origine animale e molto ricco di proteine ad alto valore biologico, povero di lipidi e carboidrati, e se lo analizziamo dal punto di vista calorico ed energetico, possiamo dire che è notevolmente ipocalorico, si presta benissimo dunque per le diete dimagranti, per quelli che soffrono di diabete e devono seguire un regime controllato, ma non per le diete contro le displemie, perché contiene una elevata quantità di colesterolo.

Inoltre l'astice contiene un quantitativo di purine, che lo rende poco adatto all'alimentazione dell'iperiricemico del gottoso.

Per quello che concerne il quantitativo vitaminico dell'astice, questo ha una buona risorsa di quelle appartenenti al gruppo B, in particolar modo la Niacina vitamina PP, per quanto riguarda i sali minerali, spiccano il fosforo ed il potassio.

L'astice come gli altri crostacei, presenta un carapace molto ricco di chitina e questo polisaccaride, libera il chitosano, una molecola che viene impiegata come chelante lipidico per la realizzazione di integratori per il dimagrimento del peso corporeo.


  • acqua L'acqua è l'elemento essenziale alla vita sulla terra, e come tutti sanno senza di essa non sarebbe possibile nella sul nostro pianeta. Viene definito un composto chimico, tra i più semplici che esist...
  • soia La soia, scritto anche soja è una pianta erbacea definita dalla botanica con il nome di Glycine max che fa parte della famiglia Fabaceae mentre per altre classificazioni è una Leguminosa. La sua origi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...
  • Penne ai peperoni I peperoni sono un ortaggio facente parte di una vasta famiglia, quella delle Solinaceae, con numerosissime varietà che vanno dai piccoli peperoncini piccanti fino ai grandi peperoni utilizzati in mol...

Laguiole Jean Dubost 97916 - Set di posate per frutti di mare in cofanetto in legno, composto da 1 coltello da ostriche, 6 forchettine per astice, 6 stuzzicadenti con pomello e 1 pinza per crostacei

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,78€


astice: Usi in cucina

E' possibile trovare in commercio l'astice vive refrigerato o morto surgelato, ovviamente questa seconda forma di conservazione del crostaceo compromette il sapore originale dell'animale che tuttavia ha costi di acquisto molto elevati.

Questo crostaceo si presta benissimo in cucina con una semplice bollitura oppure cotti al vapore ( cucina tipica Catalana), ma vanno bene anche per essere cucinati alla griglia, anche previa gratinatura.

Nel nostro paese sono molto apprezzati i primi piatti a base di astice, con l'impiego di pasta fresca, come ad esempio i tagliolini, oppure la comune pasta di semola e risotti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO