prosciutto crudo








Generalità

Con il termine prosciutto crudo, si indica una carne conservata, o meglio un salume crudo stagionato, che non fa parte degli insaccati, e totalmente rivestito.

La parte da cui si ricava questo prodotto, è la coscia del maiale che nei punti di taglio viene ricoperto per intero di strutto (grasso detto anche sugna), che funge da ottimo conservante.

In commercio spesso si trova confezionato in piccoli tagli molto simili a tranci, ma anch'essi vengono ricavati dall'intera coscia del maiale stagionato.

Quando si produce il prosciutto crudo, una importante fase, è la salatura che lo disidrata e poi la stagionatura della coscia del maiale.

Questo procedimento è estremamente sintetico, ma non semplice, se lo vogliamo paragonare alla lavorazione del prosciutto cotto, ed è molto delicato da compiere, infatti è semplicissimo fare degli errori durante le varie fasi.

prosciutto

L'originale Paleta Serrano Bodega da 4 kg - Paleta Serrana Curada jamon Prosciutto Crudo Spagnolo Iberico Spalla

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47€


Produzione

prosciuttoPer ricavare il prosciutto crudo, ci sono molti passaggi da compiere, il primo in assoluto è la selezione della coscia che si intende lavorare.

Come prima cosa, bisogna specificare, che i suini impiegati per la realizzazione del prosciutto crudo, vengono allevati solo ed esclusivamente per ricavarne questo, infatti si tratta di mandrie prevalentemente destinate a questo genere di filiera.

Il resto dell'animale che avanza, viene comunque lavorato sempre per scopi alimentari, ma lo stile di vita, le cure veterinarie, e l'alimentazione, sono finalizzate all'ottenimento di cosce adatte per la produzione del prosciutto crudo.

Alcune case produttrici, al momento dell'acquisto di cosce di maiale, selezionano le bestie ancora vive, mentre altri, preferiscono fare una cernita su cosce di animale macellate in precedenza.

Per ottenere un prosciutto crudo ideale per il commercio, vi sono delle variabili da tenere in considerazione, come ad esempio la scelta della bestia o della coscia, ma quelle piu importanti sono le dimensione dell'animale e la presenza di grasso.

I passaggi da seguire per la produzione del prosciutto crudo, sono i seguenti:

Frollatura delle cosce: si esegue per diversi giorni ad una temperatura compresa tra i 3 ed i 4 gradi

Salagione delle cosce: i prosciutti per essere disidratati e poi stagionati, vengono cosparsi di sale oppure immersi in salamoia, e la mistura che viene utilizzata per la salagione del prosciutto crudo contiene cloruro di sodio, nitrati, aromi ed in alcuni casi saccarosio.

Per una buona riuscita dell'alimento, le percentuali adoperate di salagione sono estremamente necessarie.

Una volta realizzato il prosciutto serve compiere altri passi della filiera:

Pre riposo o riposo del prosciutto: in questa fase, i prosciutti iniziano a maturare la loro composizione nutrizionale e la percentuale di acqua presente in essi.

Lavaggio: si esegue il lavaggio dei prosciutti, per eliminare i residui esterni come sale, impurità liquidi e molto altro ancora.

Asciugatura ed essiccazione: i prosciutti in questa fase, vengono passati in un apposito essiccatoio, per togliere loro la presenza di acqua in eccesso.

Sugnatura: Come abbiamo citato sopra, le parti del prosciutto prive di cotenna, devono essere cosparse di sugna (grasso), e questo processo è molto importante, affinché l'intero prosciutto crudo si conservi integro, senza nessuna parte in deperimento, nemmeno in prossimità delle zone con assenza di cotenna.

Toelettatura: I prosciutti che hanno subito la sugnatura, vengono poi osservati con attenzione e corretti, prima di procedere alla successiva fase di lavorazione.

Pre stagionatura e stagionatura: in questa fase, il prosciutto crudo subisce la maturazione vera e propria, che può concludersi positivamente, solo nel caso in cui tutti i passaggi della filiera, sono stati effettuati in modo corretto ed impeccabile.

Puntatura: questa è la fase finale della lavorazione del prosciutto crudo, un operatore specializzato, verifica tutte le proprietà organolettiche dell'alimento, ed anche la presenza o meno di difetti, valutandone in questo modo la messa in commercio. I criteri di valutazione per la commercializzazione del prosciutto, variano in base alla dicitura o meno del marchio IGP o DOP.

Marchiatura: questa fase dura dai 6 mesi ad un anno, in base al prodotto che si vuole ottenere, ed avviene solo in caso dei raggiungimenti standard verificati dopo la fase della puntatura e sono richiesti dal disciplinare di produzione.

  • Gli involtini di prosciutto crudo Gli involtini di prosciutto crudo sono un perfetto antipasto per le feste e i party all'aperto ma possono essere utilizzati anche come un secondo leggero ed estivo per chi non ha voglia di esagerare c...
  • acqua L'acqua è l'elemento essenziale alla vita sulla terra, e come tutti sanno senza di essa non sarebbe possibile nella sul nostro pianeta. Viene definito un composto chimico, tra i più semplici che esist...
  • soia La soia, scritto anche soja è una pianta erbacea definita dalla botanica con il nome di Glycine max che fa parte della famiglia Fabaceae mentre per altre classificazioni è una Leguminosa. La sua origi...
  • la regione del douro Il Porto è un vino prodotto con uve selezionate nella valle del Douro nel nord est del Portogallo, che subisce un particolare processo di vinificazione, con il taglio effettuato nel mosto fermentato p...

Bergner Resa - Coltelli da prosciutto acciaio inossidabile con coperchio 28 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,07€


prosciutto crudo: Caratteristiche nutrizionali

prosciuttoDobbiamo sapere, che il prosciutto crudo è una carne conservata e le sue quantità di grassi, sodio e calorie, variano a seconda del prosciutto crudo che si seleziona, anche se in media, questo prodotto, è sconsigliato per chi soffre di problemi di ipertensione, specialmente i prosciutti crudi più grassi, ma non solo, anche nelle diete contro l'ipercolesterolemia ed in quelle per il controllo del peso in caso di obesità e elevato sovrappeso.

Se osserviamo il contenuto di lipidi saturi e di colesterolo dei prosciutti privi di grasso, possiamo dire, che il suo consumo è consigliato nelle diete con poche calorie, ma non più di due volte la settimana.



COMMENTI SULL' ARTICOLO