erbaluce di caluso








Erbaluce di Caluso

L'Erbaluce di Caluso è un vino bianco DOCG la cui produzione è riservata esclusivamente alle province di Torino, Biella, e Vercelli. Essa si svolge sulle colline che si trovano nei pressi di Caluso centro del Canavese nella grande città di Torino in Piemonte. Con il Decreto dell'8 ottobre 2010 a questo vino venne riconosciuta la Denominazione di Origine Controllata, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.248 del 22/10/2010. Le prime notizie sul vitigno Erbaluce risalgono al lontano 1606, quando venne menzionato per la prima volta da Giovan Battista Croce, ovvero u gioielliere che risiedeva presso il duca Carlo Emanuele I. Il nome di questo vitigno deriva invece dalla particolare colorazione che assumono gli acini della vigna nel periodo autunnale. I riflessi tendente al rosa si fanno più caldi ed intensi, assumendo una colorazione ambrata nelle parti che sono più esposte alla luce del sole.
Erbaluce di Caluso

Rocco Bormioli Bicchiere Divino Cl 44,5 Pz 6

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,69€


Storia di Caluso

Questa bevanda DOC viene prodotta in diverse tipologie infatti oltre al classico vino fermo possiamo trovare lo Spumante ed il Passito. Caluso è un piccolo comune di quasi 8.000 abitanti che comprende le frazioni di Rodallo Arè, Vallo e Carolina, con tre cascinali maggiori che sono: Molliette, Borgata Cascina Nuova e La Tavalina. Le sue origini risalgono al tempo dei Salassi in epoca pre-romana, ed il nome deriva dal latino “oppidum clausum”, ovvero città forte o città chiusa. I romani decisero di scegliere questo nome in riferimento alle grandi mura fortificate che circondavano l'intera area, e che all'epoca erano di grande importanza strategica. Caluso è la sede Dell'Enoteca Regionale del Piemonte e comprende anche l'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente “Carlo Ubertini”. L'Erbaluce si sposa benissimo per essere assaporato con piatti delicati a base di verdura, ma è ideale anche con primi o secondi piatti di carne e di pesce e con formaggi dal sapore delicato freschi.

  • trentino Il Trentino-Alto-Adige è una regione enologica molto importante in Italia, se mai nella nostra Penisola ce ne fosse una di scarsa rilevanza, specialmente per quel che riguarda la produzione di vini bi...
  • vin santo Il Vin Santo, chiamato in alcune regioni anche Vino Santo, è un vino classico dell'enologia itaiana destinato all'abbinamento con i dessert in quanto di tipologia dolce. Vi sono molti tipi diversi di ...
  • elba L'Isola d'Elba, appena di fronte alla costa toscana, è stata abitata fin dall'antichità in particolare grazie alla grande presenza di ferro, che vide l'isola contesa da più popoli vista l'importanza c...
  • marsala La storia del Marsala è per molti versi legata all'Inghilterra, agli Sherry e al Porto, in quanto vi sono delle vicissitudini comuni tra questi vini e il paese anglosassone. Le motivazioni risalgono g...

10.273.90 collana croce tau 3 cm con cristo a rilievo san francesco assisi legno di ulivo pace comunione 3 nodi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


erbaluce di caluso: Tipologie di vino Erbaluce

L'Erbaluce è uno dei pochi vitigni al mondo che consente di produrre tre tipi differenti di vino:

1. Erbaluce di Caluso DOCG: questo è un vino fermo che si presenta esteticamente di colore giallo paglierino con riflessi luminosi tendenti al verde ed una brillante limpidezza specialmente se è giovane di età. Il suo profumo particolarmente fine ricorda quello dei fiori di campo, e presenta sentori di acacia e biancospino. Al palato ha un sapore fresco molto gradevole e secco allo stesso tempo. Tutti i sentori che tornano al palato sono sostenuti da un nerbo spino, che tende a sfumare specialmente nel finale, lasciando in bocche note lievi di mandorla. La nobile caratteristica di questo vino è la spiccata capacità di evoluzione nel corso del tempo. A distanza di due o tre anni di invecchiamento, esso mostra tutta la sua complessità e la sua struttura dominante, infatti emergono note minerali molto interessanti, accompagnate da note terziarie.

2. Erbaluce di Caluso Spumante DOCG: questo è un vino che viene realizzato solo ed esclusivamente attraverso il metodo classico. Le caratteristiche fondamentali del vitigno lo rendono ideale per essere spumantizzato. I due elementi fondamentali che devono possedere tutti gli spumanti di qualità sono acidità e struttura, e possiamo confermare che Erbaluce Spumante li possiede entrambi. Il vino esteticamente si mostra con una leggera spuma che persiste ed un fine perlage con colore paglierino tenue caratteristico. Il profumo è intenso ma allo stesso tempo delicato, così come il gusto asciutto che rimanda note floreali e fruttate.

3. Erbaluce di Caluso Passito DOCG: i grappoli di Ebaluce che vengono impiegati per la produzione del Passito vengono sottoposti ad un periodo di appassimento in grandi locali arieggiati, che prendono il nome di “passitaie”. Qui le uve restano distesi su dei graticci oppure appesi per il peduncolo per circa 5 mesi. L'appassimento nella maggior parte dei casi va dalla vendemmia fino a febbraio dell'anno successivo. Nel mese di marzo inizia la pigiatura dell'uva. Il primo giorno di novembre successivo alla raccolta devono passare almeno 3 anni prima della commercializzazione del prodotto, previsto dal Disciplinare, e 4 anni invece per l'Erbaluce di Caluso Passito Riserva. La versione Passito dell'Erbaluce è una qualità di vino dove esce fuori il valore assoluto della bevanda e la sua poliedricità. Questo vino ha notevoli capacità di invecchiamento, infatti possedere una bottiglia di oltre 30 anni significare avere a disposizione un vino in grado di regalare emozioni uniche. La bevanda ha una colorazione che va dal giallo oro fino all'ambrato con una limpidezza brillante, mentre il suo profumo delicato ed elegante è vagamente etereo. Al palato il suo gusto dolce rimanda ad aromi di confettura, di miele e di frutta passita o candita.



COMMENTI SULL' ARTICOLO