fichi








I fichi

Il fico è una pianta che nella sua varietà “Comune” viene chiamato scientificamente Ficus carica della famiglia delle Moraceae. Tra tutte le varietà questa è la specie che riesce a vivere più a nord di tutte le a,tre, ed è comunque una specie subtropicale e dei climi temperati.

Il frutto di questa pianta arborea è il dolce fico, molto amato d'estate.

La sua terra d'origine sembra essere l'Asia minore, localizzata nella regione della Caria, ma presto la sua coltivazione era presente in tutto il bacino di Levante del Mediterraneo, con documenti storici provenienti in particolare dall'Egitto e dalla Palestina. Ben presto tutto il Mediterraneo in antichita conosceva il frutto tanto che viene ancora chiamato "Fico Mediterraneo".

Successivamente nel Rinascimento il fico venne introdotto in America e nel Sud dell'Africa. Lentamente la pianta arrivò in Estremo Oriente e quindi in Australia.

Il fico si presenta come un albero basso, di massimo 10 metri, mantenendo un tronco breve e con molti rami. Il legno si presenta con molte rugosità e il succo linfatico ha un classico colore bianco.

Le foglie si presentano lombate di un bel colore verde scuro.

Il frutto, in realtà un infruttescenza, è la parte antropologicamente più importante, con una buccia colorata dal verde al viola scuro e una polpa dolcissima, rossa con tanti zuccheri e piccolissimi fiori.

Il fico ha due sessi, di cui il maschio non ha frutti commestibili che appartengono solo alla femmina, detto volgarmente “fico vero”.

La fecondazione del fico avviene grazie all'aiuto di una piccolissima vespa dal nome scientifico Blastophaga psenes. Oggi comunque la selezione clonale ha permesso di ottenere numerose varietà che possono essere fecondate senza l'aiuto dell'impollinatore. L'insetto vive all'interno del frutto e il rapporto tra la pianta e l'animale è di mutuo interesse, tanto che anche le altre varietà hanno un loro insetto impollinatore, diverso da questa vespa.

Il fico è comunque molto resistente al freddo e riesce a resistere fino ai -18°C.

fichi

Set Completo Affetta formaggio 1 tutta la pagnotta ca 800 g Tete de Moine Riserva Formaggio capo del monaco 250 gr. Mostarda di fichi Cappuccio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,57€


Le diverse varietà

fichi Nonostante la diffusione ormai globale del fico, è sempre la zona calda del Mediterraneo ad essere protagonista della sua coltivazione. In particolare, oltre all'Italia, sono impegnate in questo allevamento la Turchia, la Grecia, la Spagna, tutto il Nord Africa e la Palestina. Oltre all'Europa il fico viene coltivato in Russia, in Arabia, in India e Giappone, poi anche in America ed in particolare in California e Argentina, oltre che in Australia. In Italia le varietà coltivate sono il Marchesano, il Cantano, il Pazzo, il Coppa, il Meloncello e altre 14 specie diverse. Di tutto i paesi la Turchia è quella che ha la maggiore produzione con più di 260 mila tonnellate annuali, seguita dall'Egitto con circa 160 mila tonnellate. Sopra le 100 mila tonnellate si trovano anche l'Algeria e il Marocco, mentre l'Italia non è nemmeno tra i primi 10 produttori.

Il fico ama il clima caldo e secco, con pochissima umidità mentre non trova particolari problematiche con tutti i tipi di suolo. Resiste comunque al freddo fino a una decina di gradi sotto lo zero per le piante più giovani. Comunque molti danni vengono recati dal freddo. Nelle estati calde il fico ha la capacita di accumulare amidi e resine che in inverno fungono da antigelo nel legno. In estate la pianta può resistere a temperature superiori ai 40°C.

La pianta è favorita da una concimazione media, non abbondante, e la riproduzione può avvenire facilmente per semina nei paesi caldi dove vi è un'alta fecondazione. Anche la talea e la fecondazione assistita sono praticate.


  • fico india Il fico d'india ha origini messicane, che col trascorrere del tempo, si diffuse tra i popoli del centro America, che ai tempi degli Aztechi, lo coltivavano e commercializzavano.Questa era considerat...
  • Fichi secchi Sin dai tempi antichi, la pianta del fico veniva apprezzata per i suoi falsi frutti omonimi, molto dolci e carnosi, che attirano la curiosità di uccelli ed anche insetti.Il fico è una pianta xerofil...
  • frittelle di mele Le frittelle di mele sono un piatto da servire come dessert, tradizionale della cucina del Trentino Alto-Adige, regione grande produttrici di questo gustoso frutto. E sono infatti le tradizionali mele...
  • pollo alle prugne Il pollo alle prugne è un piatto inusuale e diverso dal solito, pronto in pochi minuti e con pochi ingredienti. È un piatto non per tutti i gusti. Dovrete infatti essere amanti dei sapori agrodolci, e...

Baldji Fichi Sciroppate 425 g (Confezione da 6)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,25€


Il fico in Italia

fichiIn Italia il fico viene coltivato maggiormente in Puglia, in Calabria e in Campania ma vi sono buone produzioni anche nel Lazio, in Abruzzo e in Sicilia. La coltivazione del fico comunque sta incontrando molte difficoltà negli ultimi decenni a causa della delicatezza del frutto sia nel trasporto che nella conservazione. Le motivazioni di questa difficoltà sono da ricercarsi nella grande distribuzione che tende ad utilizzare alimenti con sprechi minimi.

Nel nostro paese vi è comunque un'altra produzione anche di fichi secchi, frutti maturi raccolti ed essiccati che consentono di ovviare a quelle problematiche di trasporto e conservazione prima accennate. Vi sono molte varietà essiccate in Italia, di cui la Puglia è protagonista ma si segnalano anche delle denominazioni di origine protetta come il Fico banco del Cilento. Altre produzioni importanti, seppur non protette dalla legge, sono il Lonzino di Fichi marchigiano, un dolce tipico, e i Fichi secchi di Carmignano in Toscana.

I fichi non coltivati in condizioni ottimali possono produrre delle tossine cancerogene che invece non sono presenti con la maturazione in ambienti caldi. Il consumo di fichi è per lo più fresco o come frutto secco anche se non mancano le lavorazioni industriali in particolare di confetture e gelatine. Il lattice delle foglie invece si utilizza come caglio nelle produzioni locali e domestiche di formaggio.

Vi sono anche delle proprietà officinali come antinfiammatori, lassativi ed emollienti.




COMMENTI SULL' ARTICOLO