mela








La mela

La mela è un frutto originario dell’Asia centrale, ma presente anche nella penisola italiana con almeno 2000 tipologie. Essa non può definirsi come un frutto tipico di una determinata stagione, infatti, è possibile trovarla e gustarla in qualsiasi periodo dell’anno e proprio per questo motivo è stato necessario costruire degli impianti che fossero utili alla conservazione dell’alimento, la cui maturazione naturale avviene nel periodo che ricopre la fine di agosto fino alla fine del mese di ottobre. La conservazione naturale della mela varia da tipologia in tipologia, ma in linea di massima si aggira intorno ai quattro mesi, mentre quella di tipo industriale si basa sulle condizioni fisiche in cui esse si trovano per affrontare tale fase. Innanzitutto è importante sapere che dopo essere state raccolte, le mele vengono conservate ad una temperatura che vada da 1,0 a 4,5 °C e l’umidità deve essere pari al 59-68%.

Baumalu 450009 - Sbuccia mela in metallo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,57€


Proprietà

La mela è un frutto molto buono, sia dal punto di vista gustativo che da un’ottica nutrizionale: essa, infatti, è ricca di vitamine fondamentali per il nostro organismo, come la vitamina A, B1, B2, B6, E e C. Oltre ad avere questo alto contenuto vitaminico, la mela contiene anche l’acido folico, i carotenoidi e i flavonoidi. Tutti questi elementi insieme conferiscono alla mela un effetto antiossidante. Inoltre, è stato testato che questo frutto aiuta coloro i quali cercano di perdere peso, essendo questa un alimento che sazia facilmente ed aiuta a far sgonfiare la pancia, ed inoltre, grazie alla presenza della pectina, aiuta ad eliminare le sostanze tossiche dal nostro corpo.

  • Melanzane sottolio Quando le melanzane sono di stagione,un ottimo modo per conservarle e mangiarle anche nei mesi successivi è conservarle sottolio. Le ricette per preparare le melanzane sottolio sono numerosissime, tut...
  • Melanzane sottaceto Un metodo che ci permette di mangiare melanzane tutto l'anno e non solamente nei mesi in cui questi ortaggi sono di stagione, è la conservazione sottaceto. Le melanzane sottaceto hanno un gusto molto ...
  • Il piatto finito Le melanzane sono un ortaggio molto utilizzato in Italia, in quasi tutti i tipi di piatti, dai primi ai contorni fino a piatti sostanziosi come la parmigiana. Il bacino del Mediterraneo ama in modo pa...
  • gli involtini di melanzane Gli involtini di melanzane sono un piatto gustoso e semplice da preparare, ottimo in antipasto per rallegrare le vostre serate con gli amici. È un piatto tipico della cucina italiana e mediterranea, n...

Tescoma Presto Affetta Mela, Acciaio, Verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,98€


Come usare la mela

La mela è molto consumata ed amata. Essa viene principalmente destinata ad un immediato consumo, ma spesso è anche protagonista di dolci, come la torta di mele o la crostata o anche lo strudel. Altre volte, per chi non ne fosse a conoscenza, la mela viene usata come maschera di bellezza, infatti, come detto già precedentemente, essendo provvista di pectina, una sostanza che consente di eliminare sostanze tossiche e nocive, essa è adatta ad esfoliare la pelle. Altri usi comuni e più conosciuti, vedono la mela protagonista di succhi di frutta, oli, thè, produzione di alcool da distillazione da fermenti, creme per viso o anche per la vendita di fette di mela essiccate.


Le tipologie di mele

Le varietà di mele sono davvero tante e nella penisola italiana ne sono presenti più di mille, quindi più della metà di quelle esistenti. Le diverse tipologie sono legate al luogo preciso o alla regione e ognuna di essa presenta delle proprie caratteristiche organolettiche. Nel complesso, però, le mele constano circa sette mila varietà, che si differenziano per colore, valori nutrizionali e sapore. Tra queste possiamo citare le seguenti:

• La mela annurca, che presenta dimensioni alquanto piccole, rotonda e rossa striata. È molto buona, leggermente acida, con polpa bianca e croccante;

• La mela Campanina;

• La mela Braeburn con una buccia dal colore molto scuro ed una polpa croccante;

• Bianca Neve;

• Cox ;

• Costa’s trade;

• Golden Deliciuos, che presentano un colore giallo, sapore dolce con sentore acidulo, polpa croccante;

• Fuji, con buccia rossa e polpa molto succosa e croccante, dolce e forma rotonda;

• Stark deliciuos, è molto ricca di carotene, dolce, dalla polpa croccante, rossa e rotonda;

• Pink lady, questa tipologia di mela è da considerare come una sorta di incrocio tra altre due varietà, ovvero la mela Lady Williams e la mela Golden deliciuos, dando origine ad un frutto con una buccia dal colore rosa;

• Red delicius;

• Jonagold, che sono un incrocio tra Golden Delicius e la Jonathan;

• Granny Smith, presentano la polpa molto croccante, leggermente acidula, con una buccia verde acceso. Questa tipologia è molto buona per il nostro organismo, in quanto è ricca di magnesio;

• Renetta;

• Renetta grigia, presenta una polpa colore bianco, un sapore misto tra l’acido e il dolce e con una forma schiacciata;

• Elstar, colore rosso e giallo, molto succosa e anche gustosa e saporita;

• Stark;

• Sonaglio;

• Imperatore;

• Seuka, proveniente dalla provincia di Udine;

• Royal Gala, la quale tra le sue caratteristiche organolettiche presenta una polpa dura, soda e molto croccante, dal sapore dolce con un retrogusto acido o aspro e, infine, una buccia dal rosso forte e intenso con presenza di striature gialle;

• Stayman Winesaa, sono delle mele di colore giallo.verde con la buccia non liscia, ma ruvida e tratteggiata di rosso, la polpa è croccante e il suo sapore è agrodolce;

• Rome Beauty.


Le mele nella storia

La mela è un frutto molto importante anche da un punto di vista storico, essa è infatti conosciuta sin dai tempi di Adamo ed Eva, come il frutto del peccato, il frutto proibito, colto da Adamo incitato dalla donna, incoraggiata a sua volta dal serpente. Altre storie vedono il frutto tra i protagonisti, come quando Paride diede ad Afrodita una mela d’oro come premio, essendo per lui la dea più bella che avesse mai visto. Inoltre, abbiamo poi la mela che cadde sulla testa di Isaac Newton, grazie alla quale ha scoperto la legge di gravità. Infine, questo frutto è presente anche nella storia di Guglielmo Tell, il cui figlio l’aveva riposta sulla propria testa attendendo che il padre la colpisse con una freccia.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO