pentole in rame








Introduzione

Di certo i più giovani non sanno quanto era consueto ed importante per i loro nonni l'impiego in cucina delle pentole in rame.

Soltanto le padelle che utilizzavano per la frittura non erano fatte con questo metallo, ma bensì di ferro, e oggi sembra quasi un lusso potersi permettere di cucinare gli alimenti con le pentole di rame, cosa riservata principalmente ai professionisti della cucina.

Gli chef migliori impiegano queste pentole perché sanno che garantiscono delle prestazioni migliori ed un alta qualità della cottura, molto superiore a qualsiasi altro materiale si possa trovare oggi in commercio.

Le pentole in rame hanno una durata per tutta la vita, e possiamo affermare che sono indistruttibili, infatti occorre semplicemente riprendere la stagnatura ogni cinque anni o dieci in base all'utilizzo, e tornano come nuove.

Quello che c'è da sapere però è questo: se il rame nel corso del tempo è scomparso dalle nostre cucine, una motivazione a tutto questo c'è.

Possiamo collocare questo fenomeno con la seconda guerra mondiale, dove il periodo particolare, costringeva l'intera popolazione a grandi sacrifici tra i quali regalare alla propria patria la ricchezza più grande: i figli ed i mariti.

Durante quegli anni i beni confiscati furono veramente moltissimi, dagli oggetti preziosi alle fedi nuziali, fino ad arrivare al rame, che serviva per la costruzioni di munizioni ed armi.

Pentole in rame

Esclusivo set di padelle con rivestimento in rame super resistente! Certificate LFGB 100% SENZA PFOA - kit 5 pezzi con innovativo rivestimento in ceramica e rame micronizzato antiaderente ceramico in rame lucido - batteria di pentole chef composto da 3 padelle e 2 coperchi - diametro 20/24/28 - padella resistente anche in forno fino a 200° - fondo idoneo anche per piano di cottura / fornelli ad induzione colore cobre copper rame ramato ramate ramata red lucido pan pans

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57,95€
(Risparmi 51,95€)


Caratteristiche

Pentole in rame Le pentole in rame, hanno la capacità di trasmissione di calore che viene fatta uniformemente e proprio per questo, gli alimenti vengono cotti nel modo migliore rispetto a qualsiasi altra pentola.

La diffusione termica omogenea, assicura una cottura dei cibi non aggressiva, preservando in questa maniera tutte le caratteristiche nutrizionali ed organolettiche degli alimenti.

Per un risultato ottimale, non basta però avere in casa una pentola di rame, ma bisogna tenere presente lo spessore della lamina, che è molto importante.

Si possono trovare in commercio delle pentole con spessore di 10 millimetri, ma questo non assicura il volano termico, che serve principalmente a garantire una qualità superiore della cottura.

Per una cottura ottimale, la vostra pentola di rame, deve avere uno spessore che va dai 20 fino ai 30 decimi di millimetro.

Come sapete queste tipologie di pentole sono molto pesanti da manovrare in cucina, ma di certo lo sforzo impiegato vi ripagherà con dei cibi salutari e nutrienti.

Una cosa importante da non sottovalutare oltre a quelle che vi abbiamo appena citato è la forma della vostra pentola di rame, che varia moltissimo nel nostro paese in base alla regione ed alle tradizioni culinarie.

Nei primi del 900, l'allumino sostituì in molto case le pentole in rame, essendo principalmente economico e con un approccio futuristico che invitava le famiglie ad acquistare questa diversa tipologia di attrezzo da cucina, mentre possiamo collocare l'introduzione dell'acciaio inox a circa quaranta anni fa e le pentole in lega nei giorni nostri.

I tentativi di migliorare la qualità degli alimenti con numerosissime invenzioni e garantire una cottura salutare e dietetica, molto spesso hanno creato l'effetto contrario, fornendo alle famiglie dei prodotti che aggrediscono i cibi, piuttosto che preservare le loro importanti caratteristiche nutrizionali.

La lega di acciaio ad esempio, avendo un livello di trasmissione molto basso, riscalda i cibi a contatto con elevato calore, mantenendo la parte alta fredda e formando dei punti molto caldi, dove il cibo tendenzialmente si attacca fino a bruciarsi.


  • Mestolo Il mestolo, detto anche ramaiolo, è una posata che veniva adoperata sin dai tempi più antichi per cucinare i cibi prettamente liquidi.Esteticamente si presenta come un grande cucchiaio, dal quale si...
  • Schiacciapatate Lo schiacciapatate è un attrezzo da cucina che serve per rendere in poltiglia gli alimenti e come ci suggerisce il nome, in particolar modo le patate che sono state lessate in precedenza per la realiz...
  • Lavastoviglie La lavastoviglie, detta anche lavapiatti, è un attrezzo per cucina che serve non solo a lavare, ma anche ad asciugare stoviglie, pentole, piatti, bicchieri, terraglie, ed altri suppellettili domestici...

Set di 4 padelle in rame con coperchio padella pentole per friggere Saute French

Prezzo: in offerta su Amazon a: 226,31€
(Risparmi 56,58€)


pentole in rame: Pulizia esterna

Pentole in rame Sono molte le persone che credono che pulire le pentole in rame esternamente sia un lavoro difficile, ma vi possiamo garantire che non è cosi.

Grazie all'invenzione da parte delle industrie chimiche di prodotti realizzati appositamente per questa tipologia di manutenzione, il vostro rame, in pochissimo tempo ritroverà il suo tipico colore brillante.

Detto quesito però, possiamo comunque consigliarvi il metodo antico della nonna che funziona sempre, cioè lavare le vostre pentole di rame con acqua e sapone, ed una volta pulite, adoperare l'aceto e la farina gialla per brillantarle con l'aggiunta di sale grosso.

Si può aggiungere a questo miscuglio dei tempi andati, anche un po di olio di gomito, per lo meno finché basta a far ritrovare il giusto splendore alle vostre pentole.

Questo procedimento che vede l'impiego di soli prodotti naturali, facilita la vostra lavorazione da svolgere semplicemente a mani nude, senza dover mettere i guanti, contrariamente all'impiego dei prodotti chimici.

Con questo sistema otterrete un risultato sicuramente migliore e più duraturo nel tempo e se vogliamo dirlo, anche molto economico.

In conclusione possiamo tranquillizzare anche coloro che credono che lavare le proprie pentole in rame possa recare danni, perché non è cosi, a patto che l'impiego della lavastoviglie sia sporadico e non giornaliero, perché a quel punto lo strato di stagno potrebbe durare molto meno.

Indipendentemente da quale metodo impiegherete per la pulizia delle vostre pentole in rame, noi vi consigliamo sempre il metodo antico della nonna ed il lavaggio a mano.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO