stracchino








Generalità

Il termine stracchino, deriva dal lombardo “stracch” che significa stanco ed è un formaggio tipico della nostra nazione, a pasta molle con stagionatura breve, che viene prodotto mediante la lavorazione di latte vaccino intero.

Questo prodotto, a pasta cruda, può essere prodotto con latte crudo oppure con latte pastorizzato, ed in entrambi i casi, il lette utilizzato deve essere intero.

Anche la crescenza, il taleggio, il gorgonzola, il Salva cremasco e lo strachitunt, sono ugualmente stracchini e molti altri ancora.

Esteticamente si presenta come un formaggio grasso e molto cremoso, con la crosta sottilissima e molto tenera, dal colore bianco.

Lo stracchino si produce principalmente nella regione Lombardia, dove ha le sue origini, e l'etimologia del nome, si riferisce all'utilizzo del latte che viene impiegato, proveniente da mucche (stanche), dopo la transumanza nel fondo valle dall'alpeggio estivo.

Il nome stracchino, nella Valtellina, nell'alto Verbano, ed anche nelle provincie di Piacenza e Padova, così come nel Canton Ticino, viene utilizzato anche per indicare il gorgonzola.

Oggi, non solo la Lombardia, ha come prodotto agroalimentare tradizionale italiano, inserito nell'elenco, ma anche la regione Toscana.

Questo formaggio tipico, prende il nome dal fatto che le mucche stanche, tornate dal viaggio della transumanza dopo il periodo estivo, come abbiamo citato sopra, risultavano essere “stracche” e quindi con una scarsa produzione del latte, con il quale i pastori producevano appunto questo latticino, lo “stracchino”.

Ci sono diverse versione sull'origine del nome di questo alimento, infatti un'altra racconta che il termine della parola stracchino, derivi dall'utilizzo di latte di mucche alimentate nel periodo invernale, con erba che veniva ricavata grazie alle marcite, quindi molto povera di nutrimento.

I monaci provenienti dalla Francia, i Cistercensi, che all'epoca avevano fondato alcune abbazie a sud di Milano, avevano insegnato ai contadini la canalizzazione delle acque, per evitare in questo modo, il ristagno delle acque paludose, principale origine della malaria.

Inoltre grazie a loro, avevano trasmesso anche altre tecniche di “marcite”, in campi dove l;acqua scorreva in continuazione e quindi non gelava, consentendo un ulteriore taglio aggiuntivo all'erba in inverno, per fornire in questo modo, un supplemento al fieno.

Il latte che si ricavava in questo modo dalle vacche nel periodo invernale, era molto povero di nutrienti e forniva così, un formaggio stanco, o stracco, e da qui pare ebbe origine il termine stracchino.

Ci sono diverse varianti delle stracchino originale, che come abbiamo citato all'inizio di questo articolo, prevede l'utilizzo di latte di mucca per la realizzazione, e sono quello che impiegano latte di capra, oppure latte bufalino.

Un'altra variante dello stracchino, è la crescenza, ovvero il tipo freschissimo di questo formaggio, in pratica un latticino che non ha la stagionatura dei 20, massimo 30 giorni canonici, utilizzati per lo stracchino classico.

La crescenza a differenza, si presenta senza pelle, molto cremoso e spalmabile e spesso si realizza con l'utilizzo di latte parzialmente scremato.

La sua maturazione, dura pochissimi giorni.

Stracchino

Snips - Contenitore salva formaggio da 3 litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,75€


Curiosità tra lo stracchino e la crescenza

StracchinoSia lo stracchino, che la crescenza, dovrebbero essere il frutto che si ricava dalla lavorazione di latte molto povero e molto acquoso.

Molti affermano, che il tipo di consistenza, sia molle che soda, di questo latticino, derivi dal tempo di stagionatura nella quale viene prodotto, ma da una ricerca accurata, il latte proveniente da vacche stracche, dovrebbe essere reperibile solo dopo la transumanza , pertanto la crescenza estiva, non avrebbe modo di esistere.

Inoltre, se la distinzione dei due formaggi, dipendesse solo ed esclusivamente dal latte utilizzato per la produzione, le caratteristiche nutrizionali, dovrebbero essere nettamente divergenti, ma in realtà non è così.

Possiamo dedurre dunque, che la vera crescenza o il vero stracchino, quello invernale da vacche stracche, oggi non sarebbe così facile da reperire in commercio.

Anche la consistenza di questi due prodotti, sarebbe comunque molto differente, non solo per il tipo di latte utilizzato, ma anche per il periodo ed il grado di stagionatura.

Ad oggi, detto questo, si fa ancora molta confusione tra lo stracchino e la crescenza.


  • La piadina allo stracchino La piadina allo stracchino è un grande classico della cucina romagnola oramai parte anche della tradizione italiana, conosciuta ed apprezzata anche all'estero e molto semplice da realizzare, anche nel...
  • Crostini salsiccia stracchino La pietanza da realizzare in casa che vi proponiamo oggi, è una ricetta molto semplice e veloce, da servire sulle vostre tavole come antipasto sfizioso, accompagnato con del buon vino rosso secco.I ...
  • Stracchino Lo stracchino è un formaggio tipico italiano a pasta molle realizzato con una breve stagionatura a partire la latte intero di vacca.Essendo un prodotto a pasta cruda, può essere prodotto sia con lat...
  • pecorino Il pecorino è un formaggio tipico italiano, dalla storia e tradizione molto antiche, prodotto dal latte di pecora con diverse lavorazioni a seconda della regione e della zona tipica di produzione. Que...

Masottina vino Rive di Ogliano Extra Dry Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG 2016 - 1 Bt. 0.75L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


Stracchino i cucina

Stracchino Lo stracchino, è un prodotto caseario molto apprezzato ed estremamente gradito ad ampio consumo, per questo viene realizzato e poi distribuito a scala industriale.

Trattandosi di un formaggio a pasta molle e spalmabile, il suo impiego è prevalentemente quello di essere accompagnato con del pane fresco, oppure come ingrediente di farcitura per pizze, torte rustiche, crostini ed anche per la pasta.

Se vogliamo abbinare questo latticino con del buon vino, si presta bene per essere servito con dei bianchi o rosati molto leggeri, poco impegnativi e possibilmente autoctoni della stessa zona di produzione del formaggio.

Ricordiamo inoltre, che lo stracchino, è molto indicato per l'alimentazione della crescita e dello sviluppo delle ossa del neonato.




COMMENTI SULL' ARTICOLO