capalbio








La zona di produzione

I vini Capalbio Doc fanno parte di una vasta produzione che comprende anche alcuni gustosi vini dolci, e sono caratteristici della provincia di Grosseto. La zona di produzione è a sud, quasi al confine con il Lazio, in piena Maremma. Si tratta della zona costiera che parte dal Lazio e arriva fin sotto al promontorio dell'Argentario. È una zona collinare in cui il territorio si configura marnoso, con un'alta percentuale di arenaria. Le viti sono nutrite dal silicio, molto presente tra le scisti che caratterizzano il sottosuolo, che può arricchirsi anche grazie al granito e alle rocce carbonatiche. Si tratta, come in molte parti d'Italia, di terreni nati da antiche eruzioni vulcaniche, oggi oramai non più attive. Nonostante queste, i vini della zona sono di recente produzione, in quanto l'area è stata caratterizzata per secoli dalla presenza di numerose paludi, con la preclusione di uno stanziamento umano, sia a scopo abitativo che agricolo. Di grande pericolo per la salute, la zona non è stata coltivata fino al risanamento ambientale. Come le zone costiere, le uve qui possono beneficiare del clima temperato del Tirreno, e dei venti marini caldi e ricchi di profumi.
CAPALBIO BIANCO

Telo mare 75 x 150 cm spugna velluto 480 g/m² Capalbio Damier di motivi Arancione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,26€


Le uve bianche del Capalbio

CAPALBIO BIANCO Il Capalbio bianco viene prodotto a partire dal Trebbiano e dal Vermentino, a cui si possono aggiungere anche altri vitigni dell'area, in particolare l'Ansonica e la Malvasia, anche per i vini dolci. Il vitigno principale, come per il resto della Toscana in bianco, è certamente il Trebbiano, utilizzato per apportare quantità nell'assemblaggio. Il Trebbiano in Italia è il vitigno bianco che vanta la maggior estensione, in particolare al centro, dove incontra il clima a lui più favorevole. Qui si esprime in vini aromatici e secchi, che possono anche essere vinificati in dolce tramite l'appassimento. Ha bisogno infatti di un clima temperato, per esprimersi, e non a caso, a nord, come in Francia, il suo utilizzo è destinato alla distillazione, non riuscendo a fornire l'apporto minimo al vino. Inoltre il freddo crea acinellatura e colatura, portando l'uva ad una maturazione precoce. In Toscana invece fornisce quantità e acidità, perfette per l'assemblaggio.

  • Cortona I vini Cortona DOC sono prodotti nel territorio comunale di Cortona, in Toscana. Come è facile immaginare, sono vini prodotti da tempo immemorabile, di antica tradizione che risale già ai tempi degli ...
  • trentino Il Trentino-Alto-Adige è una regione enologica molto importante in Italia, se mai nella nostra Penisola ce ne fosse una di scarsa rilevanza, specialmente per quel che riguarda la produzione di vini bi...
  • vin santo Il Vin Santo, chiamato in alcune regioni anche Vino Santo, è un vino classico dell'enologia itaiana destinato all'abbinamento con i dessert in quanto di tipologia dolce. Vi sono molti tipi diversi di ...
  • elba L'Isola d'Elba, appena di fronte alla costa toscana, è stata abitata fin dall'antichità in particolare grazie alla grande presenza di ferro, che vide l'isola contesa da più popoli vista l'importanza c...

Danita Delimont - Beaches - Capalbio Beach, Grosseto, Tuscany, Italy - EU16 NTO0642 - Nico Tondini - 16x16 inch Pillow Case (pc_138024_1)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,48€


Il Capalbio DOC bianco

CAPALBIO BIANCO Il Capalbio è una Doc nata il 21 maggio 1999, e nel suo territorio si possono produrre vini bianchi, rossi e rosati. Del territorio fanno parte i comuni di Orbetello, Capalbio, Magliano e Manciano, della provincia di Grosseto.

La produzione di vini bianchi comprende il generico Bianco, il monovitigno Vermentino e il Vin Santo. Il monovitigno deve avere almeno un 85% dell'uva Vermentino, mentre le altre due tipologie sono, per legge, composte da un minimo del 50% con il Trebbiano in assemblaggio con le altre uve della zona, e non solo quelle sopra menzionate, anche se sono le più importanti. Le uve devono rendere al massimo 11,5 tonnellate per ettaro. Per la commercializzazione, la legge impone che questa non possa avvenire prima del 31 dicembre dalla produzione per il vino secco, e non prima del 31 marzo per il Vin Santo, dopo che le sue uve siano state appassite entro il 1° dicembre della raccolta. Si tratta di vini fruttati e secchi, che hanno una certa sapidità dovuta all'influenza marina. Il Vin Santo varia il suo gusto fino al dolce, ed è un vino molto aromatico. I vini secchi possono essere abbinati alle conchiglie e ai molluschi, così come alle cozze e alcuni pesci, ad esempio il palombo. Buoni anche con alcuni risotti delicati oppure con il prosciutto e melone. Per il Vin Santo, l'abbinamento è chiaramente con la pasticceria.


capalbio: I vini migliori

Tra i migliori produttori c'è Santa Lucia di Scotto Nicola che vinifica il Capalbio Brigante contenente il 100% di Vermentino, raccolto per un massimo di 8 tonnellate per ettaro. È un ottimo vino paglierino dall'aroma delicato della frutta bianca come la pesce. Il mare dona una buona mineralità e anche una porzione sapida al palato. Qui il vino è secco ma fruttato, con una lunghezza gustativa molto buona. Va abbinato con i molluschi e i crostacei, o cotti con pomodorini freschi, oppure con delle erbe.

Sempre Santa Lucia vinifica un Capalbio Vin Santo Graticcio. Anche qui le rese sono limitate al massimo, per ottenere un prodotto finito di buo gusto. Si tratta di uve Trebbiano e Ansonica raccolte al massimo per 5 tonnellate per ettaro. Grazie al terreno ricco di argilla, si ottiene un vino dolce dove risultano spiccati aromi di frutta bianca e fieno. Il gusto è secco ma amabile, per essere abbinato alla classica pasticceria secca della regione.

Anche la Cantina Capalbio produce dei buoni bianchi, generici, usando per lo più il Trebbiano, la Malvasia del Chianti e l'Ansonica. Anche qui il vino si esprime con sentori di frutta bianca, ma ancor più lievi e delicati, per degli abbinamenti più semplici e vari. Questi vini infatti possono servire tutto il pasto di pesce o di carne bianca, fino a terminare con i formaggi molli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO