rucola








La rucola

La rucola, conosciuta anche con il nome di ruca o rughetta o ancora ruchetta, è una pianta che nasce ogni anno ed essa appartiene alla famiglia delle Brassicaceae o Cruciferae. Questa pianta erbacea della rucola ha origine nel bacino del Mediterraneo e anche nell’Asia, precisamente nella zona centro-occidentale. Data la sua fama e la sua bontà, al giorno d’oggi la rucola viene coltivata anche in altri luoghi in giro per il mondo, crescendo in terreni che siano sia sabbiosi sia fertili, arrivando ad 800 metri sopra al livello del mare. Esistono de tipi di rucola, che non vanno assolutamente confusi tra di loro: l’ Eruca sativa, che è quella utilizzata sia nell’ambito culinario sia nell’ambito medico/erboristico, e la Diplotaxis tenuifolia, meglio conosciuta come rucola selvatica. Le differenze tra le due risiedono nella forma delle foglie, dove la seconda le presenta con una forma più dentellata, con dei fiori gialli e ha anche un sapore più forte , più deciso e più piccante. Anche la rucola selvatica viene chiamata rughetta o rughetta selvatica. La rucola venne scoperta nei pressi di Bologna, in un piccolo paesino, e venne utilizzata soprattutto per cucinare. Tra le ricette che la vedono protagonista vi sono diversi tipi di insalata, ma è possibile realizzare con le foglie di questa pianta, anche un saporitissimo pesto, mentre i semi possono essere utilizzati nell’ambito domestico per sostituire i semi di senape, cercando anche di poter ricavare da questi un olio dal buon sapore.

Chef'n - Spazzola palmare, colore: Verde rucola / Meringa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,46€


La storia della rucola

La storia della rucola ha delle origini molo antiche, infatti, questa pianta erbacea esisteva già al tempo del popolo dei Romani, i quali la utilizzavano per dare un sapore più aromatico alle pietanze che servivano e gustavano e, inoltre, essi ritenevano che la rucola potesse essere anche una sostanza afrodisiaca. Come già detto precedentemente, la rucola ha visto una sua coltivazione soprattutto nell’Asia centro-occidentale e nel bacino del Mediterraneo. Al giorno d’oggi, invece, essa viene coltivata molto anche nella regione italiana del Veneto, nel nord dell’America, in India e nel nord dell’Europa. In India, i semi della rucola sono conosciuti con il nome di Gargeer. La rucola è una pianta erbacea la cui altezza può raggiungere anche livelli molto alti, arrivando infatti anche a 50 cm di altezza. Le foglie si mantengono perché sono sostenute da alcuni fusti, i quali a loro volta, sono mantenuti alla base. Le foglie della rucola presentano un colore verde, la cui forma è molto simile a quella di una lancia, allungata verso una punta, ha i margini dentellati. Per l’arte culinaria, questa pianta erbacea presenta un sapore lievemente piccante e un odore particolare.

Il sapore di questa pianta dipende dal terreno in cui essa viene coltivata e anche dal periodo in cui essa nasce, ovviamente più il terreno è arido più il sapore sarà forte, deciso ed intenso, soprattutto se la raccolta è tardiva. I fiori della rucola constano di quattro petali dal colore violaceo oppure bianco panna e questi spuntano nel periodo di fine inverno fino ad inizio estate, nei mesi che vanno da febbraio a giugno. Questa pianta ha dei frutti, che sono silique, contenenti anch’esse un numero impreciso di semi. La rucola viene coltivata a circa 800-1000 metri sul livello del mare, si adegua, crescendo bene, su ogni tipo di terreno, la sua semina avviene in periodo primaverile, proseguendo poi nei mesi invernali. Quando la semina avviene nei mesi freddi sarebbe opportuno coprire i semi. Le parti più utilizzate di questa pianta sono sia le radici sia le foglie, queste ultime possono essere utilizzate al momento, quindi fresche, oppure possono essere congelate, mentre invece le radici possono essere essiccate.


  • Conoscere tutti i segreti delle tecniche di cottura e preparazione dei cibi è molto importante per cucinare pietanze, sia per ottimizzare gli sforzi che per capire come realizzare le ricette....
  • scarola stufata Anche se non si hanno particolari problemi di linea, capita alle volte di volere alleggerire i piatti che portiamo in tavola, perchè magari vogliamo indossare ancora i vestiti di qualche anno prima, p...
  • frutta e verdura Troppo spesso siamo soliti considerare la frutta e la verdura come "un di più" a tavola, relegando questi preziosissimi doni della natura al ruolo di contorno o semplice dopo pasto. Invece la natura, ...
  • cous cous con verdure Il Cous Cous è un alimento molto versatile e ormai molto diffuso ed apprezzato anche in Italia dove viene spesso "rivisitato" e perde forse un po' di carattere etnico, ma la sua origine e la sua tradi...

Chef'n Affettatore elegante colore: Rucola/Trasparente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,9€


Effetti benefici della rucola

La rucola ha diverse proprietà che vanno a beneficio della nostra salute e soprattutto sono positive per il nostro organismo. Ecco qui di seguito una lista di effetti che tale pianta ha sul nostro corpo:

• stimola l'organismo nel periodo di convalescenza e debolezza;

• stimola l'appetito;

• azione bechica;

• presenza di potassio, ferro, calcio e fosforo;

• favorisce la digestione;

• azione diuretica;

• benefica per il fegato;

• presenza di vitamina C. In tempi passati veniva impiegata per combattere lo scorbuto;

• azione carminativa, favorisce l'espulsione dei i gas intestinali;

• azione calmante e tonificante quando viene assunta come tisana con menta e cime fiorite di santoreggia.

Come la regola vuole, però, anche per la rucola c’è il rovescio della medaglia e, quindi, tra tanti effetti benefici, c’è anche l’aspetto negativo: la rucola crea degli effetti che risultano irritanti per il nostro corpo se assunta in quantità eccessive.


La rucola in cucina

pesto con  la rucola La rucola, come già detto in precedenza, viene molto usata da chi pratica l’arte culinaria. In base al sapore che si vuole conferire alla pietanza che si va a preparare, si potrà scegliere tra la rucola selvatica, la quale avrà un sapore più piccante, e la rucola classica. Questa pianta erbacea viene utilizzata spesso per fungere da contorno per secondi piatti come carne, latticini, verdure, pizza, pasta e anche i dolci. Con le foglie della rucola è possibile anche creare un saporitissimo pesto, da preparare seguendo la ricetta del pesto alla genovese, sostituendo, ovviamente, il basilico con la rucola.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO